Thursday, Sep. 16, 2021

Strategia

Scritto da:

|

il 3 Apr 2021

|

 

RaulGonzalez sull’importanza dello studio: nell’ultimo anno anche 7 ore al giorno

RaulGonzalez sull’importanza dello studio: nell’ultimo anno anche 7 ore al giorno

Area

Vi abbiamo presentato pochi giorni fa ‘RaùlGonzalez’, vera e propria leggenda degli High Stakes online (epiche le sue battaglie contro ‘Isildur1‘ e ‘BERRI SWEET‘), che di recente ha calato la maschera in un podcast da quasi 3 ore dove ha raccontato tutto di se.

Un passaggio molto interessante è la parte dove si parla di studio e analisi del poker. ‘RaùlGonzalez’ è probabilmente uno dei giocatori che ci ha messo più impegno, e la sua disciplina è stata il segreto del suo successo.

Gli errori da non fare nello studio del poker

Studia di più

‘RaùlGonzalez’ è un giocatore che è noto per essersi concentrato molto su come migliorare l’efficienza dello studio fuori sessione, e ha condiviso gli errori principali che ha visto commettere agli altri giocatori:

“Ovviamente il principale modo sbagliato di studiare è non studiare abbastanza. Penso che molta gente, ai livelli più bassi degli High Stakes o anche più in basso, giochino veramente molto, che è ovvio perché guadagnano e vogliono continuare a guadagnare. 

Ma penso che in questa maniera non si possa arrivare veramente al top. A meno che tu non faccia davvero nient’altro, come giocare 10 ore al giorno e studiarne altre 6. Se ti limiti a giocare 8 ore al giorno e non investi altro tempo nel poker non ce la farai mai.”

…molto di più

A questo punto dell’intervista si apre una piccola parentesi: quanto studia quindi ‘RaùlGonzalez’?

“Quando avevo diversi avversari studiavo molto meno, perché cercavo di giocare il più possibile. Bisognava prendere l’action che si trovava. Specialmente quando ‘Isildur1’ voleva giocare, bisognava cogliere la palla al balzo e sedersi quando voleva lui. 

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Da quando gioco solo contro ‘BERRI SWEET’ ci sono molti più tempi morti, giochiamo solo 4 ore al giorno, quindi ho molto tempo libero. Credo che quest’anno sia stato uno dei più impegnativi, direi che ho passato a studiare 6, 7 ore al giorno o anche di più. Anzi, certamente di più ma diciamo 6, 7 di full focus.”

Numeri davvero impressionanti, non c’è che dire. La conferma che con il vero impegno si può arrivare dove si vuole. Ma torniamo agli errori più comuni dello studio del gioco.

Studia meglio

“Oltre a non studiare abbastanza, il problema principale è non studiare efficientemente. Molta gente per esempio impiega molto tempo alla ricerca della size perfetta da usare in un certo spot, o a scoprire per esempio quale sia il check-raising range ottimale su board super rari, come un board con tre carte uguali.

Certo, è interessante capire queste cose, diventa più facile applicare la logica appena imparata anche in scenari diversi, ma in generale dovresti analizzare le situazioni più rilevanti, e non quelle più interessanti. Sicuramente è curioso scoprire cosa check-raisare su A-A-A, ma quante volte capiterà?

Bisogna cercare gli spot in cui ci si trova in difficoltà. È necessario essere capaci di percepirli in game in modo da vederli successivamente.

Purtroppo per il giocatore medio è difficile accettare di avere dei leak, e per questo concentrerà gli studi su cose più articolate e particolari.”

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari