Tuesday, Nov. 30, 2021

Poker Live

Scritto da:

|

il 25 Nov 2021

|

 

Le WSOP fallimentari di Dan Smith

Le WSOP fallimentari di Dan Smith

Area

Vuoi approfondire?

Con la proclamazione di Josh Arieh a Player Of The Year a Las Vegas si sono chiuse le World Series Of Poker 2021, le ultime disputate al Rio Casinò.

E’ tempo di bilanci. Qualche giorno fa abbiamo visto quello dei finalisti del Main Event al netto delle tasse.

Adesso sono i singoli giocatori a farsi i conti in tasca per stabilire l’esito delle loro WSOP.

Così ha fatto ieri Dan Smith, che in un cinguettio su Twitter ha pubblicato i numeri delle sue World Series. Abbastanza impietosi come andiamo subito a vedere.

 

Un rosso a sette cifre

Il testo del tweet vergato da Smith è stringato, all’osso:

“Durante le World Series Of Poker ho speso 1,4 milioni in buy-in e ho vinto premi per 134 mila dollari. Conto 29 eventi WSOP (più due super high roller all’Aria), 10 re-entries e 3 cash”.

Nel foglio Excel allegato al cinguettio c’è il dettaglio dei buy-in comprati: nel bilancio complessivo di Smith sono risultati particolarmente gravosi i re-entry agli High Roller da 100k e 250k – tornei in cui ha registrato un passivo totale di ben 700 mila dollari.

Sul versante dei premi incassati, il 10° posto al 50k High Roller del 19 ottobre scorso gli ha portato 87.500$, poi Dan ha incassato 24.910$ per il nono posto al Championship 2-7 Triple Lowball e altri 21.609$ per il 15° posto all’evento numero 64 di queste WSOP, 5.000$ NLHE/PLO 8handed.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Per dirla con quattro parole ampiamente usate nella comunità pokeristica italiana, le WSOP 2021 di Dan Smith sono state un vero e proprio ‘bagno di sangue’.

 

Le reazioni

Ma un giocatore del livello di Smith, settimo nella All Time Money List con più di 37 milioni di dollari incassati in carriera, sa bene che in una trasferta come quella delle World Series Of Poker un bilancio del genere può rientrare nell’ordine naturale di un professionista che gioca i tornei High Roller.

A confortare il fortissimo statunitense sono accorsi alcuni colleghi che hanno lasciato il loro commento su Twitter.

Per Erik Seidel le WSOP fallimentari di Smith sono “un buon esempio di quanto possa essere duro questo business. [Un passivo del genere] non è una cosa fuori dal comune, anche per un giocatore di elite come Dan”.

Doug Polk invece scherza sul mindset del collega: “Quanto tilt c’era in quel rebuy finale al 5k turbo”.

Brian Rast invece si dice sicuro che Smith avrà modo di rifarsi: “Mi dispiace sapere questo ragazzo, Riprenderai i tuoi soldi la prossima volta”.

 

Foto: Melissa Haereiti / PokerNews

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari