Thursday, Apr. 25, 2024

Poker Live

Scritto da:

|

il 12 Giu 2023

|

 

Come ha pensato Adrian Mateos contro Davidi Kitai al 10k 6-Max WSOP

Come ha pensato Adrian Mateos contro Davidi Kitai al 10k 6-Max WSOP

Area

Vuoi approfondire?

Processi di pensiero da numeri uno.

Oggi vediamo come ha pensato Adrian Mateos mentre stava giocando una mano contro Davidi Kitai al day 3 del 10.000$ 6-max WSOP 2022.

Uno spaccato interessante per capire i livelli di pensiero dei più forti professionisti di poker quando incrociano le carte con un collega stimato e temuto.

 

La mano

Il torneo è al day 3 su 34 left. Tutti i giocatori sono a premio. Su blinds 10k/15k con bb ante, Mateos apre 35k AQ da early position, chiamano Davidi Kitai da cutoff e il giocatore su big blind.

Flop 9TJ Mateos check, Kitai bet 45k, un terzo pot, folda bb, chiama Mateos.

Turn 8 Mateos check, Kitai bet 75k, call.

River 8 in check to check i due giocatori vanno a showdown. Alla vista delle carte di Mateos, Kitai getta le sue nel muck.

 

Come ha pensato Mateos al flop

Su quel flop con la mia mano posso sia puntare che checkare, entrambe le opzioni sono valide. Se decido di puntare credo di dover usare una size piccola, ma anche il check è standard. Decido di giocare la linea più tight che è quella del check. Davidi punta un terzo pot e credo che l’unica opzione che ho sia quella di pagare. A volte può puntare con asso carta alta, ma se anche dovessi essere dietro alla sua mano ho comunque molta equity.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

 

Come ha pensato Mateos al turn

Il turn è una carta molto buona che mi dà scala. L’unica mano che devo temere è KQ, che Davidi può avere perfettamente nel suo range. Se dovesse andare all-in credo che abbia KQ spesso. Se punta e basta chiamo perché credo di avere la mano migliore. Decido di checkare per proteggere il mio range, Davidi riflette e poi punta una size piccola, un terzo pot, una size che mi tranquillizza perché mi rivela che non ha KQ.

Con KQ credo che punterebbe più grande al turn per mettere tutto lo stack al centro al river. E’ quasi sicuro che io abbia la mano migliore qui. Le opzioni sono tra chiamare e rilanciare ma il raise è una azione forte e non credo che un giocatore come Davidi possa seguire da peggio. Chiamo in modo anche da lasciargli spazio per inventare qualcosa al river.

 

Cosa ha detto Mateos dopo il river

In doppio check andiamo a showdown e la mia dama è sufficiente a vincere il piatto. Credo che questa sia la mano in cui ho estratto più valore di tutto il torneo, adesso ho 775k che equivalgono a 52bb.

 

Come è andato a finire il torneo

Dopo questo spot Mateos ha trovato l’eliminazione in 24° posizione per 26.638$. A giustiziarlo proprio Kitai con la mano che lo spagnolo temeva in questo spot: Mateos ha alzato bandiera bianca con A7 contro KQ del belga che ha trovato un K flop.

Kitai ha poi alzato bandiera bianca in 15° posizione. Il braccialetto è andato a Gregory Jensen che nel testa a testa conclusivo ha avuto la meglio su Pavel Plesuv.

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari