Friday, Apr. 23, 2021

Storie

Scritto da:

|

il 18 Mar 2021

|

 

Il singolare deal in heads-up al Need For Speed 30/30 PKO

Il singolare deal in heads-up al Need For Speed 30/30 PKO

Area

Vuoi approfondire?

Una così ancora mancava all’appello.

Stanotte, al Need For Speed in versione PKO 30/30, i due giocatori arrivati al testa a testa conclusivo hanno stretto un accordo davvero singolare.

Come succede nei tornei con formula knock-out o progressive konock-out, infatti, da payout il premio per le due prime posizioni differiva di appena pochi centesimi, 70 per l’esattezza: al vincitore sarebbero spettati 1664.86€, al secondo 1664.18€.

Una misura sensata visto che nei testa a testa dei tornei con taglie un bel gradino di premio si genera naturalmente grazie ai KO, dal momento che il vincente, oltre a incassare la taglia del secondo classificato, incamera anche la propria.

Invece ‘gelbi92’ e ‘shapaseda’ hanno ritenuto il caso di riaggiustare il payout e di stringere un deal per dividere alla pari quei 70 centesimi di euro: il testa a testa è poi stato vinto da ‘gelbi92’ che grazie alla doppia taglia finale ha incassato 1.150€ in più di ‘shapaseda’.

 

 

 

 

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Cosa è successo

L’anomalia del deal ci è sembrata tale da farci dubitare della sua autenticità. Così abbiamo chiesto al quartier generale italiano di PokerStars se non fossimo incappati in qualche bug di visualizzazione della lobby del torneo.

Dalla picca rossa non solo hanno confermato l’accordo finale ma hanno anche ipotizzato quelle che potrebbero essere le ragioni di un simile deal.

“La spiegazione più verosimile è che i due non si fossero accorti che i premi per primo e secondo posto erano uguali, trattandosi di un torneo knockout. – ci hanno scritto – Oppure la scelta di effettuare un deal era stata selezionata quando c’erano ancora altri partecipanti al tavolo che però non erano d’accordo con il deal. Quando questi sono stati eliminati, la finestra del deal per i due giocatori rimanenti si è aperta automaticamente e a quel punto – immaginiamo per velocizzare le operazioni – hanno semplicemente selezionato l’opzione ‘dividi 50/50’.”

 

Quei deal passati agli annali

C’è da dire che trattandosi di accordi e deal le stranezze non sono mai abbastanza.

Solo negli ultimi tempi ci siamo fatti raccontare in due occasioni di deal a sette sottoscritti in tavoli finali di importanti Series online.

Abbiamo poi visto deal in heads-up in cui un giocatore ha accettato di prendere meno del secondo classificato, così come quel leggendario deal a tre al Sunday Special in cui Mario Perati incassò un euro in più di quanto gli sarebbe spettato per la vittoria del torneo.

Poi casi simili si sono ripetuti… E di esempi se ne potrebbero fare molti altri. Dopo stanotte ne abbiamo uno in più per il futuro.

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari