Friday, Aug. 23, 2019

Poker Online

Scritto da:

|

il 13 Lug 2015

|

 

Addio a PokerStove, FlopZilla e Note Caddy: PokerStars.com ne vieta l’utilizzo in game

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Addio a PokerStove, FlopZilla e Note Caddy: PokerStars.com ne vieta l’utilizzo in game

Area

Vuoi approfondire?

Tra qualche settimana potremmo assistere a una vera e propria rivoluzione nel mondo del poker online.

PokerStars.com infatti ha deciso di prendere importanti decisioni contro vari software creati per facilitare il gioco dei grinder.

La scintilla che ha fatto scattare l’allarme in casa della picca è stata ancora una volta la reazione della comunità pokeristica alla decisione di permettere nello scorso mese di maggio l’utilizzo di un software che calcola in tempo reale l’EV di una giocata negli Heads Up.

Le proteste di numerosi regular della piattaforma alla decisione di PokerStars di ammettere questo software tra quelli leciti, ha fatto muovere il dipartimento sicurezza della picca e ha portato a una ampia analisi dei software attualmente utilizzabili mentre giochiamo ai tavoli della picca rossa.

Come dichiarato sul forum americano twoplustwo da un responsabile di PokerStars.com, la room sta andando verso la decisione di restringere il campo dei software utilizzabili in game.

E’ molto probabile infatti che le politiche della room della picca siano significativamente più restrittive di quelle che entreranno a breve in vigore, sebbene i cambiamenti saranno graduali nel tempo in modo da consentire alla comunità pokeristica di adeguarsi a tali modifiche e in modo da riuscire a controllare a pieno tutte le nuove restrizioni.

La prima decisione immediata è stata quella di bandire il programma che dava indicazioni in tempo reali negli Heads Up Sit and Go.

In particolare questo programma visualizza delle tabelle mentre si sta giocando, facilitando così le decisioni dei grinder.

La svolta è epocale perché in passato PokerStars aveva sempre permesso l’utilizzo di tabelle che fornissero range, prima di tutto perché un giocatore può tranquillamente stamparle e utilizzare in formato cartaceo sfuggendo ai controlli, ma anche perché avere dei range “preimpostati” non fornisce un così grosso aiuto al rounder.

Le nuove tabelle però replicano l’utilizzo di un potente bot e quindi sono molto impattanti sul gioco. Da qui la decisione di proibire l’uso di tale software.

Tale restrizione però ovviamente porta modifiche ben più ampie sulle regole di PokerStars circa i software creati da terze parti.

Verranno così a breve proibiti tutta una serie di programmi in base alle seguenti nuove regole:

1. Qualsiasi programma che mostra le carte ad altri giocatori (le sessioni live su Twitch saranno però possibili).
2. Qualsiasi strumento o programma che lavori all’esterno del database centrale dei giocatori, delle mani giocate e dei risultati personali.
3. Qualsiasi strumento o programma che interagisce con il client senza l’intervento dell’uomo (i cosiddetti bot): oltre ai bot verranno anche proibiti gli “auto-folder“, cioè quei programmi che in autonomia foldano le carte dei giocatori in base a un range prestabilito di fold.
4. Qualsiasi programma che permetta il datamining, ossia la raccolta di statistiche su altri giocatori senza essere impegnati nella partita.
5. Qualsiasi strumento o programma  che dia consigli in tempo reale basandosi sulle statistiche degli avversari.

Ma quindi dopo l’introduzione di queste nuove regole quali saranno i programmi che non saranno più utilizzabili su PokerStars?

Un primo, e incompleto, elenco viene fornito proprio dai manager della picca secondo i quali questi software non saranno più utilizzabili mentre si sta giocando:

• Holy Grail of Poker
• Poker Academy
• HEM2’s LeakBuster
• FlopZilla
• Odds Oracle
• PokerStove
• NoteCaddy
• PokerTracker 4’s Leak Tracker

Alcuni sono programmi poco noti e poco utilizzati soprattutto nella comunità pokeristica italiana ma alcuni sono molto famosi e quindi l’effettivo ban di questi software potrebbe portare un cambiamento abbastanza radicale alle abitudini di molti giocatori.

Basti pensare a FlopZilla, il famoso programma che consente di capire quale range sia più forte su un determinato board, molto utilizzato soprattutto dai giocatori di cash game.

O a PokerStove, il più completo software per il calcolo delle odds che con il tempo è diventato fondamentale per ogni giocatore di Mtt per la definizione dei range di push e di call.

Sarà complicato anche prendere note visto il diniego all’utilizzo di NoteCaddy, il programma legato a Holdem Manager 2 che permette di prendere in tempo reale delle note in maniera automatica sulle giocate dei propri avversari è stato inserito nella lista delle applicazioni bannate da PokerStars.

Restano ora da capire i tempi di introduzione delle nuove restrizioni e quando esse saranno effettive anche sulla piattaforma italiana, ma l’impressione è che si vada sempre più alle origini del poker quando non vi erano statistiche o aiuti esterni e il gioco era solo contro i propri avversari.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari