WPTN – Dato contro Muratori, una lezione di pot control: “Al river non ha troppo senso rilanciare!” | Italiapokerclub

Saturday, Mar. 28, 2020

Poker Live

Scritto da:

|

il 20 Apr 2015

|

 

WPTN – Dato contro Muratori, una lezione di pot control: “Al river non ha troppo senso rilanciare!”

WPTN – Dato contro Muratori, una lezione di pot control: “Al river non ha troppo senso rilanciare!”

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

Sul finire del day2 del WPT National Venice targato Gioco Digitale, Mauro Muratori e Andrea Dato sono stati protagonisti di uno degli spot più interessante nella fase a 3 tavoli left.

Il pot da oltre 500.000 chips ha permesso ad Andrea di chiudere al secondo posto nel count e potersi dunque presentare quest’oggi come uno dei grandi favoriti per il successo finale.

La mano in questione è una vera e propria lezione di pot control, e dimostra, qualora ce ne fosse ancora bisogno, tutte le abilità tecniche del neo campione del mondo a squadre.

Molti di voi potrebbero però lecitamente chiedersi il motivo per cui Dato abbia semplicemente deciso di limitarsi al call river con top 2 pair.

Riproponiamo l’action del colpo e ascoltiamo il ragionamento di Andrea.

manersa

Thinking Process Dato

PREFLOP

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Il mio avversario è un player piuttosto solido e la sua apertura da Utg a 25.000 su blinds 5.000-10.000 lascia certamente presagire un’ottima starting hand. Io mi ritrovo da Utg+1 con AK e decido solamente di flattare. Sono abbastanza convinto di giocare il colpo in heads-up e avendo 40bb non ho tanti motivi per tribettare l’apertura di un gioctore così tight. Rischierei solamente di dover affrontare una sua 4-bet alla quale sarei probabilmente costretto a passare.

FLOP

Quando checka sul flop sono convinto di avere tante volte la mano migliore. Dopo il suo check decido dunque di bettare per valore, lui gioca.

TURN

Il turn non sposta nulla e dopo il suo check, decido di puntare nuovamente: 45.000 su pot da circa 100.000 chips. Qui accade qualcosa di inaspettato: Muratori decide infatti di rilanciare a 100.000. Onestamente non mi trovo molto comodo in questo momento. Non riesco ad assegnarli un range preciso, ma probabilmente nel suo rante ci sono ancora alcune combo di valore alle quali sono avanti. Chiamo.

RIVER

Quando punta 100.000 al river io ho circa 250.000 e a questo punto, in questo specifico momento del torneo, non credo abbia troppo senso rilanciare. Qualora il mio avversario avesse un punto migliore del mio chiamerebbe senza ombra di dubbio e sarei fuori dal torneo. Qualora avessi invece una mano che lo batte difficilmente chiamerebbe il mio all-in! A conti fatti, dopo questa linea piuttosto anomala tenuta dal mio avversario, ho ritenuto più sensato fare un semplice call. Avesse davvero un punto migliore del mio sarei rimasto con circa 15bb e avrei comunque avuto modo per tentare la risalita.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari