Tuesday, Jul. 16, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 16 Lug 2018

|

 

WSOP Big One For One Drop – Rick Salomon guida i 19 left davanti ad Ivey e Negreanu!

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

WSOP Big One For One Drop – Rick Salomon guida i 19 left davanti ad Ivey e Negreanu!

Area

Vuoi approfondire?

The final show is on.

Dopo oltre 10 ore di gioco (10 livelli da 60′) si è concluso il Day1 dell’evento più atteso di questa edizione WSOP: il Big One For One Drop da 1.000.000$ di buy-in ha momentaneamente messo a referto solamente 24 players, ma una manciata di top reg potrebbero schierarsi direttamente per il Day2 odierno, giornata in cui le telecamere di ESPN e Poker GO si avvicineranno ai tavoli per farci vivere l’action come se fossimo al Rio.

Il migliore, un po’ a sorpresa, è Rick Salomon (foto copertina), capace di raddoppiare lo stack iniziale chiudendo a 11.445.000 gettoni. Dietro di lui, i due player più famosi al mondo: Phil Ivey e Daniel Negreanu inseguono rispettivamente a 10.365.000 e 8.100.000.

5 i player che hanno già dovuto dire addio ai sogni di gloria: David Peters, Antonio Esfandiari, Isaac Haxton, Bryn Kenney e Jake Schindler sono fuori dai giochi.

Il primo a salutare la truppa è dunque David Peters, che su board pairato decide di turnare in bluff la sua top 2 pair flop. Mateos ci pensa a lungo, ma non ci casca.

‘The Magician’, trionfatore nel 2012, è incappato in un cooler preflop contro Jason Koon: apetura da early position per Talal Shakerchi, tribet da bottone per Koon, cold-bet di Antonio da big blind, fold Shakerchi e all-in Koon. Antonio chiama per i suoi complessivi 3.000.000 con AK ma si trova di fronte al KK di ‘jakooon’. Il board 622 4 5 non regala alcun sussulto e sancisce l’eliminazione del player di origini iraniane.

Haxton squeeza all-in dopo l’open di Holz, il call di Sontheimer e Catz, ma quest’ultimo decide di chiamare anche i resti con A-Q. Ike ha K-Q e non trova alcun aiuto sul board.

Schindler si gioca tutto in un bvb contro Ivey, ma l’A-K di Phil batte il QJ di Jake. Sarà dunque lo stesso Ivey a prendersi lo scalpo di Bryn Kenney che shova turn con A10 e board 1094 Q, ma il ‘Re’ ha 8J, scala vincente anche sul 9 river.

Tra i migliori di giornata anche Dan Smith (7.735.000) ed Erik Seidel (6.835.000), in affanno Justin Bonomo (4.715.000) e Fedor Holz (3.220.000).

Nonostante il nice call contro Peters, lo short stack alla chiusura delle buste è proprio Adrian Mateos.

Si ripartirà alle 20:30 italiane di questa sera.

Rick Salomon – 11,445,000
Phil Ivey – 10,365,000
Daniel Negreanu – 8,100,000
Matthew Siegal – 7,900,000
Dan Smith – 7,735,000
Erik Seidel – 6,835,000
Talal Shakerchi – 6,745,000
Dominik Nitsche – 6,550,000
Jason Koon – 6,540,000
David Einhorn – 6,110,000
Christoph Vogelsang – 5,680,000
Nick Petrangelo – 5,300,000
Cary Katz – 5,230,000
Steffen Sontheimer – 5,150,000
Mikita Badziakouski – 4,725,000
Justin Bonomo – 4,715,000
Stephen Chidwick – 4,550,000
Fedor Holz – 3,220,000
Adrian Mateos – 3,100,000

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari