Tuesday, Jul. 23, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 14 Giu 2019

|

 

Quinto braccialetto alle WSOP per Michael Mizrachi! Esulta anche Stephen Song

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Quinto braccialetto alle WSOP per Michael Mizrachi! Esulta anche Stephen Song

Area

Vuoi approfondire?

Un’altra giornata storica si è consumata alle WSOP di Las Vegas.

Nelle scorse ore gli occhi di tantissimi appassionati erano puntati sul tavolo finale del Seven Card Stud, dove l’americano Michael Mizrachi non ha affatto deluso le aspettative.

Michael stacca il fratello Robert nella conta dei braccialetti e già pregusta il Poker Players Championship del 24 giugno. Ecco i dettagli…

 

Event #27: $1,500 Seven Card Stud Hi-Lo 8 or Better

Ha dominato l’evento dal Day 2 in poi e non poteva proprio farsi sfuggire l’appuntamento con il quinto braccialetto in carriera.

Parliamo ovviamente di Michael ‘the grinder’ Mizrachi, fresco vincitore dello Stud e di una prima moneta da 142.801 dollaroni.

Per la gioia dei suoi tifosi si è imposto tra 460 entries e ora vanta un primato: è l’unico player che è stato capace di vincere cinque braccialetti nell’ultima decade. Insomma, è il più forte in circolazione al momento.

E tutto questo potrebbe essere solo l’antipasto del Poker Players Championship, evento che Mizrachi ha shippato già tre volte in carriera…

Intanto il fratello Robert resta a guardare con quattro titoli in bacheca mentre Michael dichiara: “È stato un tavolo difficile me penso che l’esperienza mi abbia un po’ aiutato. Avevo edge in certi spot. Ho giocato mani dove sapevo che gli altri avrebbero foldato“. Infine si lancia in un paragone: “Avere cinque braccialetti è come avere cinque figli“. Cosa avrà voluto dire?

 

1 – Michael Mizrachi, United States – $142,801
2 – Robert Gray, United States – $88,254
3 – Michael Sopko, United States – $60,330
4 – Elias Hourani, United States – $42,014
5 – Jan Stein, United States – $29,818
6 – Jose Paz-Gutierrez, Bolivia – $21,575

 

 

Event #28: $1,000 NL Hold’em

Naturalmente il trionfo di Stephen Song nell’evento 28 passa in secondo piano a causa di Mizrachi, nonostante la prima moneta qui salga a 341.854 dollari. Peccato perché anche la storia di Song è meritevole. Pure lui è arrivato al final table da grande favorito, con due anelli del WSOP Circuit vogliosi di compagnia in bacheca.

Gli sono servite solo tre ore e mezza di Day 3 per sbrigare la pratica in 110 mani. Nell’heads up finale si è presentato con 39 milioni di chips contro i 10 milioni di Scot Master e nello spot conclusivo Song ha girato tranquillamente avanti con 9-9 contro 5-5 preflop. Il board 4-7-9-10-4 è stato chiarissimo.

A caldo il vincitore ha detto sul suo primo braccialetto in carriera: “È surreale. Le WSOP sono davvero il momento dell’anno in cui puoi vincere soldi che ti cambiano la vita“.

 

1 – Stephen Song, United States – $341,854
2 – Scot Masters, United States – $211,177
3 – Ryan Laplante, United States – $154,268
4 – Renato Kaneoya, Brazil – $113,712
5 – Sevak Mikaiel, United States – $84,581
6 – Dominic Coombe, Australia – $63,491
7 – Pedro Ingles, Spain – $48,101
8 – Vegard Ropstad, Norway – $36,783
8 – Yosef Lider, United States – $28.394

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari