Monday, Aug. 19, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 29 Mag 2012

|

 

WSOP 2012 – Alessandro Speranza, 20 eventi senza patch: “Lo sponsor non è necessario”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

WSOP 2012 – Alessandro Speranza, 20 eventi senza patch: “Lo sponsor non è necessario”

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

Appena compiuti i ventun anni, Alessandro Speranza vola a Las Vegas per giocare le WSOP 2012 con un calendario degno della sua fama: più di venti eventi in programma per l’ex giocatore di GD Poker e Roombet che approccia alle WSOP con quattro anni di risultati alle spalle ma senza una patch. Niente sponsor per lui quest’anno, nonostante sia considerato uno dei migliori torneisti italiani. “LuckyTD” ha infatti deciso di pagare di tasca propria i buy-in dei tornei che ha deciso di giocare a queste World Series Of Poker 2012.

L’esordio nella capitale del poker non è dei migliori per l’aquilano: oggi ha trovato l’eliminazione nei primi livelli del suo primo torneo alle WSOP, l’evento #2 da 1.500$ NLHE. ”Il torneo è iniziato bene, sono salito subito fino a 10.000 chip (stack di partenza 4.500) grazie ad un colpo fortunato all’inizio del torneo, dove sono andato ai resti preflop con QQ e ho scoppiato KK al mio avversario grazie ad una donna al flop; dopo il 2up sono risceso in un piatto raisato con tre giocatori dentro dove ho missato il mio flush draw e oppo mi ha chiamato tre strade con top pair, rimasto con 15 bui ho shovato KQo ma ho trovato AA”.

Alessandro si ritiene comunque “soddisfatto” dell’esordio: Non ho visto tante carte, e nei tornei con questa struttura turbo è necessario guadagnare tante chip all’inizio in modo da poter esprimere al meglio il proprio gioco nei livelli successivi; certo, sono dispiaciuto di essere uscito, ma fa parte del gioco”.

Alessandro Speranza con Marcello Marigliano e Fabrizio Baldassari

Già si guarda avanti quindi, precisamente all’evento #4 che LuckyTD giocherà domani: l’Heads Up No-Limit Hold’Em / Pot Limit Omaha da 3.000$ di buy-in, una delle poche eccezioni al programma dell’ex Roombet che ha deciso di giocare prevalentemente eventi No Limit Hold’Em. L’obiettivo è, ovviamente, il braccialetto: “Ventun anni: è un momento che aspettavo da un po’, finalmente posso partecipare alle WSOP, ci tengo molto perché i tornei sono il mio main game e vincere un braccialetto significherebbe il coronamento di un sogno”.

Ma come mai un giocatore così giovane e promettente, anzi, affermato, sta nella vetrina più importante del pianeta poker (le WSOP) a giocare 20 eventi senza una patch?

“Ho avuto qualche offerta che però non rientrava nelle mie aspettative lavorative, tantomeno mi stimolava. Queste WSOP le sto giocando per conto mio, d’altro canto ho giocato spesso pagando il buy-in di tasca mia per partecipare a tornei il cui budget andava al di fuori di quello che lo sponsor mi metteva a disposizione. Lo sponsor è una cosa in più che non è necessario avere. Può essere qualcosa in più, aiuta sicuramente, e se arriva uno sponsor interessato con un bel progetto con il quale mi piacerebbe iniziare un percorso allora sarò ben lieto di farne parte, altrimenti posso anche continuare a giocare senza sponsor. Ci sono molti giocatori forti in giro, sia in Italia che all’estero, i quali non hanno uno sponsor: non avere uno sponsor non significa essere cattivi giocatori, e avere uno sponsor non significa essere giocatori forti.”

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari