Gianmichele “Alfa88” ed i suoi super grafici! – Intervista (parte 1) | Italiapokerclub

Wednesday, Jun. 3, 2020

Storie

Scritto da:

|

il 4 Dic 2012

|

 

Gianmichele “Alfa88” ed i suoi super grafici! – Intervista (parte 1)

Gianmichele “Alfa88” ed i suoi super grafici! – Intervista (parte 1)

Area

Vuoi approfondire?

Dopo un mese così positivo non potevamo non intervistare Gianmichele Alfa88“. Top grinder dei massimi livelli nelle room italiane, sta dimostrando a tutti il suo valore, riuscendo a centrare una quantità spaventosa di risultati personali.

Un percorso, iniziato circa due anni fa, che lo sta portando ad avere guadagni elevatissimi in questi ultimi mesi. Questo di novembre, è solo l’ultimo risultato VERAMENTE NOTEVOLE che ha raggiunto.

Scopriamo assieme cosa ci racconta!

Ciao a tutti, mi chiamo Gianmichele, ho 24 anni e vivo a Cagliari. La mia specialità è il cash game, grindo il NL1000 con costanza da qualche mese(diciamo 400+ vista la mancanza di traffico a certe ore) dopo aver scalato tutti i livelli partendo dal NL50 nemmeno due anni fa. Gioco sporadicamente qualche MTT, per lo più per mancanza di tempo.

Valuta, in una scala di difficoltà da 1 a 10, i seguenti impedimenti che hai incontrato nel tuo cammino agli High Stakes:

FORMAZIONE DEL MINDSET: 6– Ricordo solo una serataccia in cui ero effettivamente tiltato e feci di tutto per aggravare la mia condizione anzichè staccare ed evitare il peggio(che puntualmente si verificò). Quando ero ancora agli inizi bastava qualche cooler per farmi scivolare in C-game ma non ho mai patito gravi tilt, se non qualche naturale momento di accecamento in game.

PASSAGGIO DAL NL100 al NL200: 7– Al momento del passaggio al NL200 il field era poco più tosto del NL100, qualche regular decente in più e stop. Il passaggio poi è avvenuto, senza fretta alcuna, con l’inserimento graduale di tavoli dello stake superiore. C’è da dire che successivamente ebbi qualche mese di run negativa che fece vacillare le poche certezze che avevo sul mio gioco e riuscii ad avere la mente lucida per ripartire dal NL100 più agguerrito che mai. In un solo mese lasciai per sempre la selva <NL200.

STUDIO E REVIEW: 5– In sincerità è sempre stato un mio difetto, non ho mai dedicato il tempo giusto allo studio.
Ho ovviamente guardato video, letto diversi articoli, fatto coaching etc ma ho sempre creduto di poter fare di più, specialmente nel review con HEM.
A volte mi ci metto e spulcio qualche dato di qualche regular, o riguardo qualche mano saliente che ho salvato, ma dovrei farlo molto più spesso.

Parliamo di questo tuo FANTA-GRAFICO del mese di novembre. Fai sempre questo n° di mani al mese?
Eheh no certo, in realtà da inizio cash.it fino ad aprile, viaggiavo sulle 100’000 mani al mese. Poi ho cominciato a diminuire la massa per lavorare sul gioco che aveva tanti aspetti da migliorare. Così, da maggio, ho iniziato a diminuire il numero di tavoli così come le ore di grinding, passando più tempo(nemmeno poi tanto perché son scansafatiche) a fare hands-review ed analizzare spot comuni.

Quanto hai multitablato, in media?
Sempre tra 6-9 tavoli, quasi mai oltre. Spesso anche solo 6 specialmente se i tavoli erano particolarmente ostici e richiedevano un’accurata attenzione al flow della partita.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Qual è stato, secondo te, il tuo punto di forza in questo mese? Mindset 100%? A-game continuo? Run? O sei riuscito “solo” ad estrarre il massimo del valore in ogni spot?
Giocando senza alcun target di mani o di profit sono libero di grindare quando ho voglia e quando mi sento al 100%, fisicamente e mentalmente. Negli ultimi mesi, questo mi ha indubbiamente aiutato molto ad esprimere quasi sempre il mio miglior gioco ai tavoli.

Dici bene, tutte queste tre componenti hanno contato in maniera decisiva. Il mindset è quasi sempre stato al massimo, ricordo solo qualche sera quando mi sono messo ostinatamente a giocare HU, consapevole del fatto che si possono subire swing decisamente pesanti per poterli recuperare in 6max. L’ A-game è stata una conseguenza del mutitabling ridotto, normale che poi le sbavature ci sono sempre durante ogni partita.

Il punto forse fondamentale, però, credo sia stato come dici giustamente tu aver preso massimo valore dalla buona run che ho avuto. E’ facile che in una sessione dove stai vincendo bene tendi a chiuderti, ad evitare gli spot difficili magari deepstack, a non 3barellare quel board dove è chiaramente EV+ farlo etc etc.
Questo mese non mi son adagiato sulle vincite, volevo fare il massimo e, per la prima volta, credo di esserci riuscito.

A cosa attribuisci il fatto che, entrambe le tue linee (rossa + blu), siano così tanto in alto?
Per lo stile di gioco che sto approcciando da qualche mese, ti dirò, è piuttosto insolito. Da una situazione iniziale(standard per i middle stakes) di blu che schizza verso l’alto e rossa in picchiata, ho iniziato a portare gradualmente la rossa even facendo sì che al blu calasse quasi proporzionalmente.

Ho cambiato, adatattato e riadattato finchè le due linee non si sono quasi invertite rispetto alla situazione iniziale; conseguenza del gioco agli high stakes (dove il valore di showdown da prendere diventa sempre minore e, per riuscire a fare profitto, bisogna cercare di fare sempre qualcosa più degli altri, vincendo pot senza showdown appunto).
Questo mese, come detto, ho avuto una buona run anche negli showdown, motivo per cui le due linee sono così vicine e generano un profit così estremo.

Come mai non hai voluto inserire l’ev? (nonostante io sappia che non è molto più in basso del profit!) – Cosa ne pensi del suo utilizzo come metro di giudizio per stabilire l’andamento mensile del nostro gioco?

Non l’ho messa per non intaccare il grafico; con due linee rosse si sarebbe creata troppa confusione e non avevo voglia di cambiare il colore dell’All-In EV! E poi, come dici, non c’è stato un grosso scostamento, quindi mi è parso anche inutile inserirla.

E’ una delle prime cose che il regular dei low stakes impara a capire e valutare, data la sua semplicità elementare. In effetti, mostra un andamento generale della run (nelle situazioni di All-In) ma, troppo spesso, è un salvagente per la coscienza, un modo per sviare dall’analisi dei propri leak ed affidare tutte le giustificazioni dei propri cattivi risultati alla maledetta run.

Personalmente, ho cominciato a guardarla e considerarla sempre meno nell’ottica e nel giudizio di un mese; d’altra parte, la run, la si percepisce a prescindere dai valori indicati dall’All-In EV che, talvolta, serve giusto a conferma delle nostre impressioni.

Nella seconda parte, continueremo a fare delle domande ad Alfa88 e, assieme a lui, analizzeremo altri suoi grafici e faremo delle considerazioni sulla scalata ai livelli. E’ ancora possibile, al giorno d’oggi, riuscire ad arrivare ai livelli più alti delle room italiane? Stay Tuned!

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari