Monday, Aug. 8, 2022

Poker Live

Scritto da:

|

il 16 Nov 2015

|

 

Il Pesca brilla anche in Austria: “Dopo le WSOP ho avuto calo motivazionale, ora è tornata la fame!”

Il Pesca brilla anche in Austria: “Dopo le WSOP ho avuto calo motivazionale, ora è tornata la fame!”

Area

Vuoi approfondire?

Tanto va il Pesca al largo che ci lascia lo zampino.

L’idea di rimodellare qualche adagio popolare e cucirlo addosso al pirata sta prendendo sempre più corpo. Trovare nuovi aggettivi per descrivere il 2015 di Max Pescatori appare infatti assai complesso.

Anche in un ‘anonimo’ week-end come quello appena trascorso, il milanese è riuscito a piazzare una’altra bandierina (16 ITM ufficiale dell’anno) e un nuovo final table (undicesimo stagionale) in quel di Bregenz (Austria), assicurandosi un quarto posto da 20.000€ nel Casinos Austria Poker Tour da 2.160€ di buy-in.

“Mi sono ritrovato a Bregenz un po’ inaspettatamente – racconta Max -, avevo programmato una trasferta in quel di Amsterdam, ma all’ultimo, per diversi motivi, ho preferito virare su una meta più comoda e altrettanto stimolante. Ci ero passato un mesetto fa poco prima delle WSOPE: la location è davvero carina, il casinò bello e la professionalità dello staff davvero impeccabile. Non c’era ovviamente un afflusso di persone clamoroso, ma 130 persone per un torneo da 2k sono comunque un risultato di tutto rispetto.”

E il Pesca ha saputo metterli in riga quasi tutti…

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

“Non mi dispiace misurarmi con persone nuove, anzi. E’ bello non sapere nulla degli altri e cercare di comprendere cosa bisogna fare per raggiungere un traguardo. Per quanto riguarda il quarto posto sono in parte soddisfatto, dall’altra un pizzico rammaricato: poco prima del tavolo finale ho vinto un big pot A-K contro K-K che mi ha lanciato tra i primi nel count ma al final table ho perso ben 4 showdown su 6 partendo 3 volte al 70%. Il cruccio è legato alla fase 4 left nella quale ho scelto di callare l’all-in di oppo sapendo di giocarmi un flip, quando probabilmente avrei dovuto aspettare e provare a sfruttare i leak degli altri due player, decisamente meno preparati rispetto al bravo avversario che, di fatto, mi ha eliminato per quel ‘lancio di moneta’.”

pescatori-pescateng

Ciononostante Max sa bene che in un’annata come questa sarebbe forse troppo cercare il pelo nell’uovo:

“Già nel 2014 ero tornato ad avere un buon feeling al tavolo, vincendo la challenge cup GPI e chiudendo come terzo miglior GPI italiano. Ma come ho già ripetuto altre volte, questo 2015 è stato davvero sensazionale. Oltre ai tantissimi piazzamenti ottenuti, ci sono quei due braccialetti che hanno un peso specifico enorme. E devo ammettere che i due mesi post WSOP sono stati complessi dal punto di vista mentale: ritrovare quella determinazione per giocare altri tornei non è facile. Anche i ‘major’ europei, difatti, non sono la stessa cosa. Ad ogni modo, dopo l’esperienza alle WSOPE, mi è tornata la giusta carica per chiudere l’anno nel migliore dei modi. Un professionista sa che non può mai permettersi di adagiarsi e deve provare a dare il massimo in qualsiasi circostanza. A dicembre sarò a Praga per l’EPT, dove giocherò perlopiù mixed games e qualche partita cash cercando di chiudere l’anno in bellezza!”

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari