Thursday, Jul. 7, 2022

Poker Live

Scritto da:

|

il 17 Lug 2013

|

 

Come migliorereste le WSOP per il 2014?

Come migliorereste le WSOP per il 2014?

Area

Vuoi approfondire?

Le WSOP sono finite e per l’organizzazione è arrivato il momento di tirare le somme e soprattutto di fare autocritica visti i costanti episodi polemici che si sono vissuti durante questo mese frenetico. È ovvio che Ty Stewart, Executive Director delle WSOP, non può essere particolarmente contento di quello accaduto quest’anno, non solo della professionalità dei singoli individui (dealer che augurano bad beat ai giocatori o che non sanno nemmeno dare le carte, floorman che non conoscono bene le regole) ma soprattutto della struttura in se delle World Series, del numero di eventi, dei buy-in, della rake da pagare…

Per questo motivo Ty Stewart ha deciso di lanciare l’appello su Twitter per chiedere a tutti come si potrebbero migliorare le WSOP per il 2014:

Ovviamente ce ne sono già alcuni pro che hanno detto la sua. Il primo è stato Matt Glantz, che ha scritto un post sul suo blog addirittura qualche ora prima del tweet di Ty Stewart. Glantz si è mostrato molto critico con i tornei di varianti di buy-in diversi dai 1.500$ e dai 10.000$. Secondo lui, chi gioca un torneo da 5.000$ giocherà probabilmente quello da 10.000$ mentre quelli che giocano i tornei da 1.500$ (tanti amateur che alla fine sono una parte importantissima del field delle WSOP) non se la sentono di fare il salto verso i tornei da 2.500$. Glantz propone dunque di eliminare queste barriere e di fare esclusivamente tornei da 1.500$ e da 10.000$ per le varianti.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Glantz non è stato l’unico a proporre delle modifiche, possiamo leggere anche i tweets di Jonathan Duhamel, Joseph Cheong o Daniel Alaei, che fra le tante proposte generali ne ha avanzata una per il Poker Players Championship da 50.000$, il torneo dove Max Pescatori è stato eliminato in una crudelissima bolla. Secondo Alaei (e sicuramente altri pro la pensano come lui), questo torneo dovrebbe avere un Day1 più dinamico, in cui venisse eliminato “almeno un 25-30%” del field” e dove esistesse la possibilità del rebuy. Ricordiamo che quest’anno nel Day si sono persi solo 7 giocatori dei 120 iscritti.

In ogni caso, anche se ce ne sono commenti di tutti i tipi ce ne sono alcuni che si ripetono provenienti da più giocatori, come quello di eliminare il divieto di mettere le cuffie quando si è in the money (leggi particolari del Nevada, a quanto pare), prestare maggiore attenzione alle varianti (soprattutto al 2-7 Draw) ed eliminare i tavoli da 10 giocatori, che è senza dubbio la critica più comune da tanti giocatori. Danielle Anderson, che ricorderete per la sua acidissima cronaca del Ladies Event, ha evocato un’immagine molto chiara: “giocare in 10 è come giocare a basket in 12“.

Sarà un anno di tanto lavoro per Ty Stewart…

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari