Friday, Aug. 23, 2019

Storie

Scritto da:

|

il 19 Ott 2016

|

 

Phil Hellmuth su Stu Ungar: “Era il miglior giocatore di Gin al mondo, ricordava le carte anche se giocava in un altro tavolo!”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Phil Hellmuth su Stu Ungar: “Era il miglior giocatore di Gin al mondo, ricordava le carte anche se giocava in un altro tavolo!”

Area

Alcuni poker player sono destinati a diventare leggende di questo gioco.

Possiamo citare personaggi come Daniel Negreanu o Phil Ivey, o mitici giocatori di una generazione precedente, come Amarillo Slim, Doyle Brunson o Johnny Moss.

Tra questi forse il più stimato è il compianto Stu Ungar, da molti considerato il miglior giocatore di tutti i tempi, cosa che in parte Phil Hellmuth (guarda caso altra leggenda del poker) ha confermato ai microfoni di PokerListings.

La storia mai raccontata viene dalla bocca di Chip Reese. Per chi non conoscesse il Gin, potete vederlo come un gioco simile al ramino (ne è il “papà”) molto in voga a quei tempi, e la leggenda vuole che Stu abbia cominciato la sua carriera di gambler proprio imparando a 14 anni il Gin Rummy dalla madre.

“Chip mi raccontò una volta una storia su Ungar. Chip stava giocando a Gin Rummy per $2.000 a punto, una partita molto alta, e Stu stava giocando un cash game high stakes, credo $1.000/$2.000, al tavolo vicino. Chip si è girato verso Ungar e gli ha chiesto: ‘Dovrei gettare il 5?’ Questa carta era stata scartata tipo… 18 minuti prima. E Stu gli ha risposto: ‘No, no, no. Il 5 lo ha già scartato. Dovresti gettare il 3‘.”

A Gin Rummy ad ogni turno bisogna scartare una delle proprie carte, sperando che non sia utile all’avversario che può raccoglierla per chiudere uno dei suoi punti. Immaginate solo di ricordare che carte sono uscite al tavolo di blackjack vicino a voi mentre state giocando un Cash Game… irreale!

“Non era nemmeno nella partita, capite? Dava giusto qualche occhiata occasionale mentre giocava high stakes in un altro tavolo, e nonostante questo aveva notato l’errore. Era il miglior giocatore di Gin del mondo. Riuscì ad arrivare 4° al campionato mondiale di backgammon e vincere il Main Event nello stesso anno. Stu era un fenomeno.” 

stu_ungar

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari