Friday, Apr. 23, 2021

Poker Live

Scritto da:

|

il 1 Apr 2021

|

 

La mano che ha fatto tiltare Phil Hellmuth nel primo round della sfida contro Daniel Negreanu

La mano che ha fatto tiltare Phil Hellmuth nel primo round della sfida contro Daniel Negreanu

Area

Vuoi approfondire?

Negli studios del canale Streaming PokerGo si è tenuto stanotte (ora italiana) il primo round della attesissima sfida heads-up tra Phil Hellmuth e Daniel Negreanu.

A uscire vincitore al termine delle sei ore di gioco del sit’n’go, contro ogni pronostico, è stato Phil Hellmuth.

Per la verità nelle prime battute del match ‘The Poker Brat’ è apparso in seria difficoltà accusando la partenza-sprint del rivale anche da un punto di vista psicologico.

Al termine di una mano che lo ha lasciato con una manciata di chips, Hellmuth ha sbottato visibilmente innervosito.  Probabilmente, però, le seguenti provocazioni di Negreanu hanno avuto su di lui lo stesso effetto che ha un drappo rosso sventolato davanti a un toro

Da quel momento infatti il quindici volte braccialettato ha iniziato una rimonta davvero incredibile che lo ha portato alla vittoria del match. Vediamo meglio.

 

La mano

L’heads-up sta entrando nella terza ora di gioco, su blinds 250-500, con uno stack di 19 mila chips, Phil Hellmuth completa da bottone con 99.

Negreanu da big blind rilancia 1.500, Hellmuth tribetta 3.700, il canadese chiama.

Flop 434, Negreanu check, Hellmuth bet 4.000, call.

Turn 8 doppio check.

River 5 Negreanu bet 5.000, Hellmuth chiama e si infuria.

Ecco la grafica che riassume tutta la action della mano in un unico colpo d’occhio.

mani-poker-ipc-HELLMUTH-NEGREANU

clicca per ingrandire

 

Siete curiosi di sapere che carte aveva Negreanu? Ebbene, eccole:

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Le carte di Dnegs

 

Quel provvidenziale check turn

“Sai, potrai anche vincere questo fottuto match, ma ti dico che odio il modo in cui hai giocato. Hai giocato questa mano così fottutamente male che è una follia – dice Hellmuth all’avversario, palesemente contrariato dal risultato finale della mano.

“Per caso dovessi averne bisogno – dice Negreanu all’avversario tirando fuori un pacchetto di fazzoletti.

Al termine di questa mano Phil Hellmuth ha appena 7 mila chips contro le 93 mila avversarie. La sua partita, fondamentalmente, continua grazie al check turn.

Se in seconda strada avesse puntato, a fronte di un call di Negreanu, al river Hellmuth sarebbe stato committed al pot, quindi da un punto di vista prettamente matematico non avrebbe potuto foldare.

 

Un tilt positivo

Con un piede nella fossa ma ancora vivo, probabilmente caricato dalle provocazioni di Negreanu, Hellmuth riesce a trovare una rimonta che ha davvero dell’incredibile.

The Poker Brat prende un po’ di chips a Negreanu prima di trovare il raddoppio con cui si porta a 20 mila chips contro le 80 mila del rivale. A questo punto i river iniziano a sorridere a Hellmuth.

Grazie a una doppia coppia trovata in ultima strada, Phil si porta a 40 mila chips. Poi al river trova un colore e si porta in vantaggio. Con una scala, sempre al river, Hellmuth porta lo stack di Negreanu a una situazione in cui il canadese si trova davanti all’opzione binaria ‘push or fold’.

Ed è proprio pushando i suoi ultimi 7bb con 76s che per il canadese arriva la sconfitta: Hellmuth chiama con coppia di nove e su board liscio si aggiudica il primo match.

Negreanu ha già dichiarato di volere la rivincita: stay tuned per gli aggiornamenti del caso!

 

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari