Full Tilt Poker: licenziati a Dublino 180 dipendenti | Italiapokerclub

Saturday, Mar. 28, 2020

Storie

Scritto da:

|

il 24 Ott 2011

|

 

Full Tilt Poker: licenziati a Dublino 180 dipendenti

Full Tilt Poker: licenziati a Dublino 180 dipendenti

Area

Vuoi approfondire?

Quello che si vociferava a metà settembre è diventato realtà, purtroppo, per 180 dipendenti della Pocket Kings Ltd, società filiale legata a Full Tilt Poker: sono stati licenziati il fine settimana scorso, con preavviso arrivato mercoledì. D’altronde, Pocket Kings, ha smesso di funzionare proprio nel momento in cui Full Tilt Poker è stata investita dall’ondata del Black Friday.

Queste le parole di qualche tempo fa di un dipendente che è voluto rimanere anonimo: ” Noi al momento ci rechiamo sul posto di lavoro, ci sediamo e non facciamo niente tutto il giorno. Leggiamo le varie notizie sui forum e sulle bacheche. Sono tre mesi che non stiamo facendo niente. Se non saremo licenziati, cosa faremo dopo? C’è molta incertezza. Il morale in questo momento è molto basso.”.

I tagli a quanto pare non sono finiti, però, all’interno della Pocket Kings Ltd: con base operativa a Dublino, la società contava su 500 dipendenti. L’obiettivo del ridimensionamento è quello di tagliare il 50% delle forse attive e scendere quindi a 250 dipendenti.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

La società irlandese forniva il software a Full Tilt Poker e anche un supporto tecnologico soprattutto nella gestione dell’assistenza tecnica verso i clienti di FTP.  

Un portavoce londinese della società non ha voluto rilasciare dichiarazioni ufficiali sull’accaduto, ma dai piani alti della Pocket Kings Ltd fanno sapere che “la società è in via di ristrutturazione a causa delle grosse perdite sia nel mercato americano che europeo”.

Come è noto la partita ormai si sta giocando negli Stati Uniti tra il Gruppo Tapie, unica società che al momento sembra essere realmente interessata all’acquisto di FTP, e il Dipartimento di Giustizia americano: il tutto procede a rilento ma con un misurato ottimismo.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari