Wednesday, May. 25, 2022

Strategia

Scritto da:

|

il 5 Giu 2015

|

 

Deneb sul nitty open fold di Koon: “Mi è capitato di ragionare in maniera simile, ma con un range più marginale!”

Deneb sul nitty open fold di Koon: “Mi è capitato di ragionare in maniera simile, ma con un range più marginale!”

Area

Vuoi approfondire?

Durante il final table del Main Event Scoop Low, andato di scena una settimana fa su PokerStars dot com, Jason Koon si è reso protagonista di una move alquanto insolita.

Dopo il fold del cutoff, Koon, che gioca per 35bb decide di openfoldare KQ.

La scelta del campione americano è sicuramente dettata in larga parte dall’esiguo stack del cutoff, che ha solamente 5bb, ma appare comunque esageratemente nitty, considerando anche che i premi dal secondo al quarto posto erano piuttosto schiacciati e uno come lui sarebbe dovuto essere tutt’altro che money scared.

La discussione su questo fold si è accesa sul forum 2+2: in tanti hanno criticato la giocata di Koon, che è però intervenuto in prima persona spiegando i motivi della sua scelta:

“Il giocatore sul grande buio, che era anche il chipleader, stava giocando in maniera estremamente aggressiva – scrive Jason –. Aveva una percentuale di 3-bet superiore al 40%, e sembrava in grado di capire che il mio calling range qui fosse ristretto a qualcosa come AK/TT+. Ho quindi deciso di foldare perché mi sembrava uno spot piuttosto close ed avevo solamente quattro secondi nel timebank; pur rendendomi conto che fosse una decisione un po’ troppo tight, mi andava bene l’idea di vedere il corto finire ai resti e ripartire a giocare da 3 left”.

Il pensiero di Jason è certamente condivisibile, ma diversi utenti del forum hanno provato ad analizzare la questione più a fondo. Questa appare infatti una situazione perfetta per openlimpare da bottone.

Eppure, anche in questo caso, Koon non è del tutto d’accordo:

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

“Di certo non è scelta terribile, ma in quel momento della partita non mi piaceva troppo. Non avevo range per bilanciare il call da bottone e per ragioni exploitative credo che, piuttoto, sarebbe stato meglio rilanciare…”.

In questo intervento “jakoon1985” non precisa se il raise sarebbe sempre per passare o per 4-bet shovare. Anche queste due ipotesi sono state prese in considerazione da diversi utenti. Il raise/call appare invece un’ipotesi da scartare a priori.

Per avere un ulteriore parere su questa mano, abbiamo contattato uno dei player italiani più preparati nel campo degli MTT online.

Alessandro “deben93” Pichierri ci ha detto la sua su questo singolare spot:

“Sinceramente mi è capitato di avere ragionamenti simili, ma con un tipo di range un po più marginale! Di certo questa è una situazione molto particolare, e considerando lo stack del cutoff non mi dispiace la sua spiegazione. Eppure, foldare K-Q da bottone mi sembra comunque una mossa estrema. Raise callare è ovviamente da escludersi. Le altre 3 linee [limpare, raise/foldare, raise/4bettare] sono sicuramente più corrette. Probabilmente io avrei optato per un limp: K-Qs è una mano che gioca molto bene il board, specie in posizione. Inoltre crasha molto spesso il range del bb.  Nel lungo periodo credo sia una scelta +EV open foldare mani come J-10 o J-Q. Con A-10 e A-J, mani che open-folderei più volentieri rispetto a K-Q, sarei comunque propenso ad aprire. Lo stesso vale dunque per una mano come K-Qs: limp > raise > fold. E su un eventuale controrilancio del bb, che ha stats di tribet del 40%, il 4-bet shove è sicuramente più sensato del fold.

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari