Monday, Sep. 26, 2022

Poker Online

Scritto da:

|

il 3 Ott 2016

|

 

“Converrà sopratutto agli occasionali ma non illudiamoci troppo” Gli scenari della liquidità condivisa per Giulio Astarita

“Converrà sopratutto agli occasionali ma non illudiamoci troppo” Gli scenari della liquidità condivisa per Giulio Astarita

Area

Vuoi approfondire?

La notizia dell’altro giorno sull’ok del Senato francese alla liquidità condivisa ha suscitato non poche reazioni.

Era prevedibile. Del resto, sono anni che molti appassionati invocano questo scenario ed ora sembra esserci davvero una concreta possibilità di vederlo diventare realtà.

Noi abbiamo anche provato a immaginarci un palinsesto unico per una nuova versione di PokerStars che comprende i giocatori di Francia, Spagna e Italia.

Nel frattempo c’è chi si è dichiarato entusiasta per la novità e qualcuno che invece è molto più scettico. Per fare ordine, abbiamo interpellato Giulio Astarita.

Fino all’anno scorso Astarita ha lavorato come poker manager nelle più importanti room italiane, PokerStars compresa.

Qualcosa dunque il campano ne sa e infatti ha anche cominciato a pubblicare sulla sua pagina Facebook dei post in cui analizza la situazione in caso di un’effettiva liquidità condivisa.

Gli abbiamo chiesto di riassumerci il suo punto di vista, mettendosi soprattutto nei panni di giocatori. Astarita è abbastanza ottimista ma invita prima di tutto alla cautela:

Quella che arriva dalla Francia è un’ottima notizia ma bisogna andarci piano. Non è detto che la liquidità condivisa si faccia al 100% o che coinvolga proprio i nostri cugini francesi, alle prese con tassazioni assurde. 

Ho letto tantissimi commenti sui social e nei forum questo weekend. Come al solito si dicono tante inesattezze. A sentire qualcuno, sembrerebbe che da domani mattina diventeremo tutti ricchi.

Non è così, ovviamente. Non si possono fare miracoli. Nella migliore delle ipotesi bisognerà aspettare diversi mesi per vedere il mercato comune diventare realtà, mi stupirei se si facesse già entro la prossima estate.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Volendo in realtà si potrebbe risolvere tutto nel giro di mezza giornata, ma sappiamo benissimo che chi si occupa di queste cose molte volte non ha la competenza necessaria.

I giocatori non vedono l’ora, per loro in effetti non ci sarà nulla di negativo. Aumenterà l’azione nel cash game e negli MTT.

Ne trarranno beneficio soprattutto i giocatori occasionali, quelli che giocano ogni tanto tentando il colpaccio. A loro l’alta varianza dei grossi tornei non darà troppo fastidio, anzi… Cercheranno proprio il ‘big shot’.

Per quanto riguarda gli operatori, credo che PokerStars manterrebbe comunque il suo predominio mentre le realtà italiane più piccole sparirebbero.

D’altronde certi processi di innovazione sono inevitabili se si vuole mantenere in vita il nostro amato ‘giochino’. Lo sostengo da sempre.

Io ora mi occupo di tutt’altro, non mi dispiacerebbe ritornare a lavorare nel poker ma solo per una grande realtà con idee chiare. Al momento mi sembra un’ipotesi difficilmente realizzabile“.

Vi riportiamo qui sotto il post integrale che Astarita ha pubblicato su Facebook sul tema. Si tratta solo della prima parte di un discorso che si articola in tre diverse parti:

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari