Saturday, Mar. 23, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 21 Nov 2017

|

 

“Bettelli pensava che fosse uno scherzo!” Marco Trucco e i retroscena del nuovo IPO by PokerStars

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

“Bettelli pensava che fosse uno scherzo!” Marco Trucco e i retroscena del nuovo IPO by PokerStars

Area

Vuoi approfondire?

A cinque giorni dall’annuncio ufficiale del sodalizio IPO-PokerStars.it, la curiosità comincia a farsi largo tra gli appassionati delle due carte.

Dobbiamo aspettarci un ritorno in pompa magna della Picca Rossa nella scena live italiana o tutto rientra nella normalità? Inoltre, come sarà il nuovo IPO? Ci si potrà qualificare online?

Questi e tanti altri interrogativi, preceduti da un diffuso entusiasmo iniziale, hanno cominciato a farsi largo nella testa di giocatori e addetti ai lavori. Ecco perché abbiamo pensato di chiedere lumi al country manager di PokerStars.it, Marco Trucco, in sella dal 2014 nonché uno dei più esperti in circolazione.

Marco, che tipo di deal è stato raggiunto con IPO e di che entità?

L’accordo è per il 2018 e tre tornei con la possibilità di estenderlo in futuro.”

In tanti si sono illuminati alla notizia dell’intesta tra IPO e PokerStars.it anche per via della possibilità di conquistare un seat attraverso i satelliti online: puoi confermarci la loro presenza nel circuito ‘punto it’?

Sì, certamente, saranno disponibili sia sul .it sia su altre piattaforme. L’obiettivo è portare molti giocatori, non solo italiani, a Campione.”

E’ la testimonianza di un nuovo interesse di PokerStars sui live in Italia per il momento è meglio non fare castelli in aria?

Era necessario tornare in Italia. Lo avevo detto tempo fa: era una mancanza che sapevamo sentita da tutti i pokeristi italiani e abbiamo trovato in Andrea Bettelli e nel suo team un’intesa immediata. Sapevo bene dell’ottima reputazione del suo torneo. Così ho semplicemente cercato il contatto sul suo sito, l’ho chiamato e ha risposto che stava dormendo e pensava fosse uno scherzo. Colpa mia: non si telefona agli organizzatori di tornei la mattina! L’ho invitato all’Isola di Man: lui e il suo team hanno presentato i risultati di molti anni di lavoro e convinto i nostri responsabili per gli eventi live. Con queste premesse abbiamo chiuso l’accordo in poche settimane.

La sponsorship con IPO significa che possiamo dire addio a qualche PokerStars Festival, o addirittura un ipotetica tappa del Championship, in programma nel territorio italiano? Inoltre l’IPO by PokerStars darà la possibilità di qualificarsi a qualche PSC?

Per il momento mettiamo in calendario l’IPO e vediamo come va. Sono certo faremo nuovi record, a quel punto vedremo come potrà svilupparsi l’accordo. Per quanto riguarda il discorso qualificazione… posso solo dire che non posso ancora dire niente.”

Cosa vuole portare PokerStars della sua esperienza live all’IPO?

“Non abbiamo intenzione di cambiare niente dell’IPO, dato che funziona magnificamente. Diciamo che aggiungeremo ciliegine sulla torta. Ma ciliegine importanti.

 

E voi cosa ne pensate del nuovo IPO by PokerStars? Scrivetecelo lasciando un commento sulla nostra Fanpage!

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari