Friday, Sep. 24, 2021

Strategia

Scritto da:

|

il 2 Feb 2013

|

 

Squeeze play – Quando è più profittevole farlo?

Squeeze play – Quando è più profittevole farlo?

Area

Argomenti correlati

Squeeze play? Di cosa si tratta?

Letteralmente spremere, strizzare.

In sostanza, parlando di poker, effettuare un raise o una 3-bet in situazioni in cui si finisca per “schiacciare” un avversario, che sia entrato in gioco rilanciando o chiamando, tra il call o la serie di call dietro di lui, e il nostro raise.

E’ evidente che, questa particolare azione, ha un EV+ (Expected Value – Valore Atteso) molto considerevole. Prestando molta attenzione alla scelta degli spot giusti, potremo riuscire a prendere molto valore da situazioni nelle quali, senza lo squeeze, avremmo sicuramente foldato.

Con questo tipo di azione, solitamente, riusciremo a nascondere la reale forza della nostra mano e metteremo in serie difficoltà i nostri avversari.

Abbiamo già parlato ampiamente degli squeeze nel cash game nei precedenti articoli (prima, seconda e terza parte); ma cosa succede quando siamo in dinamiche dove il nostro stack non è equivalente ai classici 100bb del CashGame?

Quali sono i fattori da considerare prima di fare tale action?

Le considerazioni da fare, come sempre, sono molteplici e, sicuramente, è proprio questo fattore che rende il Poker così affascinante. Proviamo ad analizzare assieme alcuni aspetti.

Immagine al tavolo

Non dobbiamo mai perder di vista la percezione del nostro stile di gioco agli occhi degli avversari.

Ipotizziamo d’aver giocato in modo particolarmente nitty in un tavolo e, ad un certo punto, ci troviamo in una situazione dove squeeziamo AA da BTN. Non dobbiamo stupirci se tutti gli avversari foldano; la nostra immagine era di un giocatore particolarmente chiuso e, per questo motivo, capiranno più facilmente che in quello spot il nostro range è molto forte.

In modo molto similare, non dovremo stupirci se dovessimo fare uno squeeze e ci ritrovassimo in un Multiway Pot dopo aver aggredito e tartassato il tavolo nelle mani precedenti.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Cerchiamo sempre di capire come gli avversari percepiscono la nostra move.

Stack in gioco

L’idea di base è che, in situazioni dove ci troviamo con uno stack esiguo, potremo effettuare squeeze solo con un range più chiuso in quanto, questa mossa, sarà l’equivalente di un All-in.

Con uno stack pari a 20-25bb non potremo sicuramente optare per dei call con delle PP per set-minare, dovremo scegliere (la maggior parte delle volte) se re-shovare o foldare.

In base alle info a disposizione sui nostri avversari, dagli stack, e dalla posizione di provenienza del primo raise, opteremo per una scelta o per l’altra. Chiaramente, saremo più propensi ad uno shove (All-In) quando il raise proviene da Late Position e lo stack del nostro avversario ci offre una discreta Fold Equity in quanto, se decidesse di chiamare, dovrebbe compromettere il suo MTT.

Posizione

Chiaramente, un avversario che ha un occhio di riguardo per alcune cose, capirà sicuramente che uno squeeze proveniente da posizioni come CO / BTN sarà fatto con un range leggermente più ampio in quanto poi, nel postflop, godrà di un vantaggio di posizione.

Se, quindi, ci trovassimo noi a dover fronteggiare uno squeeze proveniente da posizioni come SB / BB, dovremo sicuramente ricordarci che quel player giocherà fuori posizione e, per questo motivo, non sarà molto contento di ingigantire un pot dal preflop con una mano marginale.

ItaliaPokerClub è riuscita a strappare qualche consiglio utile al Pro di BetPro Poker Armando Graziano. Ascoltiamo assieme cosa ci racconta in questo interessante video!

httpv://www.youtube.com/watch?v=u-_nQiPc1lo

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari