Sunday, Nov. 17, 2019

Strategia

Scritto da:

|

il 12 Apr 2015

|

 

I 3 errori più comuni dei grinder ai live, secondo Andrea Benelli

I 3 errori più comuni dei grinder ai live, secondo Andrea Benelli

Area

Vuoi approfondire?

Sei bravo a cliccare. Sai tutto dei range, di Holdem Manager e di Table Ninja. Apri una ventina di tavoli come se niente fosse e mentre giochi trovi anche il tempo per scrivere a tutti i tuoi amici di WhatsApp e Facebook senza dimenticare qualche Tweet ogni tanto. Poi arrivi a un live. Sei carichissimo, ma tutti ti odiano e non azzecchi una giocata neanche a pagarla. Persino il vecchietto che hai sulla sinistra ti 3betta. Sembri l’ultimo arrivato. Eppure nessuno al tuo tavolo conosce tutti i termini anglofoni che conosci tu. Vorrà pur dire qualcosa! Ecco, se stai per avere un attacco di panico calmati. È solo che qui sei live. È un altro gioco e ora Andrea Benelli, dai tavoli dell’IPO by TitanBet.it di Campione,  ti spiegherà quali sono i tre errori che assolutamente non devi commettere. Dovresti proprio ascoltarlo: probabilmente ha fatto più tornei lui di quanti peli tu abbia sul mento.

1) SUPPONENZA
«Forse lo sono stato anche io in passato, quando ero agli inizi. Tu arrivi dall’online, sai tantissime cose e probabilmente sei molto più preparato di tanti che sono seduti al tuo stesso torneo. Ma non è un buon motivo per essere supponente. Prima di tutto perché è un atteggiamento fastidioso, poi perché al tavolo è controproducente. Un giocatore supponente è portato per definizione a sottovalutare gli avversari e quindi a prestare meno attenzione a quello che fanno. Questo significa, semplicemente, perdere occasioni per raccogliere informazioni. Tutti quelli che al tavolo danno per scontati — o sottovalutano — gli avversari commettono un errore. Pensa che in tanti sono ancora convinti che io faccia tante mosse, quando in realtà negli anni mi sono calmato parecchio. Eppure hanno un’idea di me e su quella si basano, non mi osservano. Ecco, non pensare che tutti quelli che non fanno parte della tua cerchia non abbiano nulla da insegnarti. A volte anche l’anziano che gioca un poker completamente diverso dal tuo potrebbe insegnarti qualcosa. E dovresti essere pronto a recepire quella cosa.»

IPO

2) SCARSO ADATTAMENTO
«Ricordati che il più delle volte ai tornei live ci sono soprattutto appassionati. Non stai giocando gli High Stake online, quindi non meravigliarti se tutto il tavolo flatta la tua apertura 2x. Le cose funzionano diversamente e non puoi pensare che siano gli altri ad adattarsi alle tue abitudini. Anche se ti sembra di tornare indietro di anni, prova ad allungare la size di apertura! Ovviamente è solo un esempio, ci sono tante dinamiche che funzionano benissimo a certi livelli del poker online e che live non funzionano nemmeno ai tornei dal buy-in altissimo. Capire queste differenze però non significa automaticamente aumentare le possibilità di profitto. Devi anche saper modificare il tuo gioco in modo da venire incontro a queste tendenze. Può essere frustrante all’inizio. Ma appena inizierai a vincere, immagino che lo farai molto volentieri.»

3) VARIANZA SOTTOSTIMATA
«È un altro grave errore in cui potresti incappare. La varianza online si abbatte, anche se può essere complicato. Live potrebbe essere un compito difficile e frustrante. Ho giocato almeno dieci edizioni dell’Italian Poker Open perché è un torneo fantastico. Non sono mai arrivato ITM. Online sarebbe stato un brutto pomeriggio, live sono anni, ma anche se può metterti un po’ di timore, è del tutto normale. Il problema è che per abbattere la varianza live può servire una vita intera ed è anche per questo motivo che devi saperti adattare alle differenze del giochino!»

Hai altri errori da segnalare? Scriviceli nei commenti!

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari