Tuesday, Sep. 29, 2020

Strategia

Scritto da:

|

il 5 Set 2017

|

 

I 4 passi per sviluppare una efficace tecnica di visualizzazione nel poker

I 4 passi per sviluppare una efficace tecnica di visualizzazione nel poker

Area

Vuoi approfondire?

Pubblichiamo un interessante contributo dello head coach della scuola Spin Legends, Vito Barone, su come le tecniche di visualizzazione possono aiutare a migliorare le proprie prestazioni ai tavoli verdi. 

 

Avete mai visto un altista mentre si prepara prima del salto? Osservateli: in tanti casi li vedrete dondolare le gambe con un’espressione estremamente concentrata e, a un certo punto, muovere le mani mimando il gesto del salto.

Cosa stanno facendo? Stanno visualizzando il gesto tecnico che si apprestano a compiere. Per molti una pratica del genere è qualcosa di folcloristico, ma chi pratica quello sport sa bene quanto sia fondamentale: se lo è per una disciplina fisica come il salto in alto, figuriamoci per una principalmente mentale come il poker!

Proprio come il giocatore di golf più abile è capace di visualizzare la pallina concentrandosi a tal punto da far sparire tutto il resto e diventare quasi un tutt’uno con essa, allo stesso modo il pokerista dovrebbe essere capace di concentrarsi sulla visualizzazione del gesto, sulla comprensione dell’avversario e degli spot, sull’analisi degli strumenti di tracking.

Ma cos’è davvero la visualizzazione? È semplicemente un’immagine o una sequenza di immagini che noi possiamo creare nella nostra mente, una specie di sogno ad occhi aperti. Serve a creare più volte un’esperienza nella nostra mente e aiuta a:

Consolidare la tecnica di gioco
– Migliorare la concentrazione
Accrescere la motivazione e la fiducia
– Controllare le emozioni, risolvere problemi e affrontare il dolore e avversità
– Preparare al meglio per le prestazioni

Non parliamo, sia chiaro, di semplici opinioni: sono stati fatti vari studi sulle tecniche di visualizzazione ed è fondamentale che vengano svolte nel modo giusto.

Ad esempio, nel 1999 è stato condotto uno studio dall’Università della California su degli studenti divisi in due gruppi:

– Al gruppo A fu chiesto di visualizzare il superamento degli esami con voti eccellenti
– Al gruppo B fu chiesto di visualizzare la fase di studio e preparazione degli esami

Sorprendentemente, con buona pace del 90% dei libri motivazionali, il gruppo B ottenne risultati migliori.

Motivo? Immaginare il futuro perfetto, come era stato chiesto al gruppo A, porta il nostro inconscio in alcuni casi a rilassarsi (calo motivazionale, meno ore di studio) e in altri a sviluppare un’ansia eccessiva (aspettative troppo alte).

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Invece il gruppo B, che ha visualizzato il processo di preparazione, ha performato meglio e ha raggiunto l’obbiettivo con minor stress.

Quando usiamo la tecnica della visualizzazione, quindi, è importante concentrarsi sul processo che ti porta al raggiungimento della meta: dobbiamo avere in mente l’immagine di noi stessi che ci applichiamo per arrivare al traguardo.

Tutto ciò è motivante e sprona all’azione. La domanda, a questo punto, è come sviluppare una visualizzazione efficace. Ci sono 4 passi per rendere efficace tale tecnica:

1) Avere una routine introduttiva di rilassamento: troviamo un posto tranquillo in modo da non essere disturbati per 15 minuti, spegniamo il cellulare, chiudiamo le porte, eliminiamo gli elementi di disturbo. Se lo riteniamo opportuno possiamo mettere una musica di sottofondo o altre cose che possano aiutarci nel processo di rilassamento (ad esempio essenze profumate). Ci mettiamo in posizione comoda (divano, letto, poltrona etc). Respiriamo lentamente. Possiamo chiudere gli occhi, anche se non è fondamentale. Richiamiamo alla memoria una una situazione di estremo relax, un ricordo. Rallentiamo il pensiero insieme alla respirazione.

2) Fatto questo, definiamo il nostro obbiettivo: chiaramente nel caso di un pokerista è giocare il nostro A- game.

3) Visualizziamo il processo per raggiungere tale obbiettivo, quindi tutto il percorso che ci porta a raggiungere il punto 2 (es. dal riposo, al nutrirsi, all’attività fisica e ludica, allo studio per concludere con la sessione di gioco). No, non è necessario visualizzare le carte ma focalizzarsi sulla nostra attitudine a capire i range dell’avversario, a giocare bene flop, turn e river sia nei raisati che nei limpati e in tutte le situazioni di gioco, ad individuare i timetell, i sizetell e tutti i leak possibili che possono esserci utili.

4) Immaginiamo noi stessi mentre compiamo tali azioni ogni giorno, preferibilmente come prima routine mattutina. Visualizziamoci estremamente motivati mentre compiamo quelle azioni. Immaginiamo che tutto avvenga con estrema semplicità e naturalezza.

Questi quattro semplici passi ci predisporranno al meglio per affrontare ogni sessione e giornata lavorativa.

 

Sei interessato a scalare gli Spin&Go? Invia la tua candidatura a SpinLegends da questo link!

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari