Saturday, Sep. 21, 2019

Strategia

Scritto da:

|

il 27 Mar 2018

|

 

Sette mosse efficaci per confondere gli avversari e migliorare il proprio gioco

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Sette mosse efficaci per confondere gli avversari e migliorare il proprio gioco

Area

Vuoi approfondire?

Al giorno d’oggi per ottenere risultati costanti nel mondo del poker servono impegno e disciplina.

Anche ai limiti più bassi è molto probabile incontrare players abili che giocano per fare profit: ciò significa che è necessario perfezionare la propria strategia e mixare le decisioni al tavolo per riuscire a disorientarli ed essere vincenti contro di loro.

A tal proposito, il coach Nathan ‘BlackRain79’ Williams ha elencato per il sito PokerNews le 7 mosse efficaci per confondere i giocatori preparati e migliorare il proprio gioco; scopriamo insieme il punto di vista del coach canadese.

1) Fare slow play preflop con le mani migliori

Il primo modo per confondere gli avversari è quello di nascondere la propria starting hand in alcune situazioni.

Perché non fare un semplice call con AA – KK – QQ – AK quando si è in posizione di bottone o di cutoff?

Questa move risulta particolarmente efficace quando alla nostra sinistra c’è almeno un giocatore con alte frequenze di squeeze: in seguito ad un rilancio basterà spingere tutto lo stack nel mezzo e giocare il piatto con la mano migliore!

2) Modulare le frequenze di continuation bet

Mixare il proprio gioco al flop è importante. Molti giocatori puntano pressoché sempre dopo aver hittato top pair, ma è importantissimo saper checkare in alcuni casi.

Check/callare o checkare back con la mano migliore indurrà al bluff i nostri avversari e talvolta permetterà anche di estrarre del valore extra tra turn e river.

3) Modulare le frequenze di raise

Come per le cbet, anche le frequenze di raise devono seguire uno schema preciso.

I giocatori dei microstakes sono soliti rilanciare al flop con overpair, two-pair, set e alcuni draw (con 12 o più outs); tutto ciò li rende estremamente prevedibili!

Includere alcune combinazioni di bluff nel tuo range di raise al flop ti renderà meno leggibile ed aumenterà il numero di volte in cui verrai ripagato con tutte le mani forti.

4) Aggredire con un range ampio tra turn e river

Altra componente importante del gioco è rappresentata dalle barrel da effettuare postflop.

La stragrande maggioranza dei players ai limiti bassi betta nuovamente al turn con un range molto simile a quello descritto nel punto precedente, giocando inevitabilmente a ‘carte scoperte’.

Il consiglio dunque è di mixare le value-bet tra turn e river con alcuni bluff: aggiungendo poche combo di questo tipo al tuo range qualsiasi avversario pensante andrà in difficoltà.

5) Non rivelare time-tells

Le tempistiche necessarie per una decisione forniscono informazioni fondamentali ai fini dell’action.

Alcune persone puntano immediatamente se in bluff; al contrario, altre aggrediscono senza ragionare solo con combinazioni realmente forti.

La cosa migliore da fare è impiegare lo stesso tempo per qualsiasi decisione: così facendo nessuno potrà intuire la tua prossima mossa!

6) Non rivelare size-tells

Come per i time-tells, anche gli importi delle puntate possono tralasciare info importanti se non modulati in maniera oculata.

Ad esempio, una size grande indica spesso un buon punto! Tale approccio può essere preso in considerazione per i giocatori ricreazionali, ma non è di certo sufficiente contro avversari preparati.

L’accorgimento da prendere quindi è di scegliere una size standard per ogni situazione: bettare half pot con set e con il nulla al flop non lascerà indizi utili a nessun player.

7) ‘Diventare un camaleonte’

I buoni giocatori cercano di classificare gli avversari sin dal primo momento: note e statistiche dell’HUD sono le procedure più gettonate per farlo.

In sostanza, tutti necessitano di un’istantanea del player che hanno di fronte per evidenziarne lo stile di gioco adottato.

Cosa succederebbe se riuscissi a cambiare di giorno in giorno il tuo approccio in game così come un camaleonte cambia i suoi colori?

L’immagine al tavolo è tutto! Prova a mixare in modo maniacale le move al tavolo in relazione all’oppo che hai di fronte; questo rovinerà tutte le letture sul tuo conto e non sarà possibile affibbiarti un label.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari