Monday, Jun. 17, 2019

Strategia

Scritto da:

|

il 20 Mar 2018

|

 

15 modi pratici per migliorare nel poker secondo Nathan Williams

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

15 modi pratici per migliorare nel poker secondo Nathan Williams

Area

Vuoi approfondire?

Siete dei giocatori occasionali ma vorreste applicarvi seriamente nel poker? Vorreste cominciare a vincere qualcosa solo che non sapete da dove iniziare?

Nessun problema. Ci pensa Nathan ‘BlackRain79’ Williams, il player più vincente di sempre ai Micros, a darci qualche utile consiglio.

Williams sul suo sito personale pubblica sempre dei contenuti interessanti e aggiornati. In questi giorni ha fatto un elenco di cose pratiche che si possono fare nel 2018 per migliorare a poker.

Ecco come introduce Williams il suo articolo: “La gente mi chiede continuamente come può migliorare nel poker. In realtà non è così difficile nel 2018, perché non ci sono mai stati così tanti strumenti e mezzi gratuiti.

Non c’è motivo per cui un giocatore non sia in grado di fare un piccolo profit annuale agli stakes più bassi dell’online o del live“. Andiamo a vedere allora cosa serve per diventare dei giocatori decenti secondo Williams.

 

1 – Decidi di iniziare

Può sembrare superfluo, ma Williams chiarisce il concetto: “La prima e la più importante cosa da fare per migliorare nel poker è semplicemente decidere di avere questa priorità nella tua vita. La verità è che non si diventa bravi giocatori in una notte.

Così come in altri business, non ci si può aspettare di vincere belle somme già nei primi mesi. Devi considerarlo un investimento a lungo termine.

Quindi devi farti un adeguato playing schedule. Anche se prevede solo un paio di notti di grinding alla settimana dopo il lavoro, devi sapere esattamente quando giocherai a poker e deve restare un programma costante. Devi inoltre prevedere un’ora o due alla settimana per lo studio“.

 

2 – Riconosci i tuoi limiti

La cosa successiva da fare è scegliere partite e limiti appropriati. Williams sostiene: “Non puoi giocare a cash per una settimana per poi passare ai tornei, così come non non puoi giocare per 5$ e poi passare ai 100$. Smettila. Nel poker è meglio specializzarsi in un gioco specifico.

Consiglio di iniziare dai limiti più bassi (non c’è fretta di arrivare al top) e di costruirsi un bel bankroll. Nel cash online questo significa di solito partite da 2$ (bui 1/2 centesimi). Nei tornei parliamo di buy-in compresi tra 1 e 5 dollari“.

 

3 – Trova le risorse

Il tuo bankroll è come il capitale che hai per il tuo business. “Non inizieresti un nuovo business con 10$, vero? Quindi perché farlo nel poker?

È incredibilmente importante seguire le regole del bankroll. Ciò significa che devi avere almeno 30 buy-in per ogni cash game o 100 buy-in per i tornei.

Non ho sparato numeri a caso. Ci sono delle chiare ragioni matematiche dietro a queste precauzioni che riducono il rischio di non andare rotti“.

Quindi se decidi di giocare al cash da 5$ (con bui 2/5 centesimi), devi avere almeno 150$ nel tuo roll. Se prendi il poker seriamente, devi avere anche un bankroll serio.

 

4 – Trova il tuo stile di gioco

Williams senza dubbi consiglia una strategia semplice come quella TAG (tight and aggressive) che lavora bene contro quasi tutti gli avversari ai limiti bassi:

Più specificatamente, devi sapere quali mani giocare da ogni posizione, quando contro-rilanciare, quanto puntare sulle varie strade, quando bluffare, ecc…

Non ti deve servire troppo ragionamento su queste cose. In altre parole, queste decisioni devono diventare automatiche per te. Ci sono tanti libri e video che le insegnano“.

 

5 – Condividi la tua esperienza

Questo è un consiglio che molti altri esperti danno: “All’inizio della mia carriera mi è servito moltissimo tenere un blog, dove mi segnavo meticolosamente i miei obiettivi del mese de dell’anno, il numero di mani giocate e cose così. Mi sono creato un gruppo di lettori e più ragioni di successo. Consiglio a tutti di fare la stessa cosa“. Anche Polk, per esempio, è della stessa idea.

 

6 – Trova un Poker Network

Anche questo è un elemento tipico in una carriera di successo: “Un’altra cosa che mi è servita molto è stato lo sviluppo di un gruppo di amici pokeristi. Il blog mi ha aiutato in tal senso.

Quando ti circondi di persone con obiettivi simili ai tuoi, ci si supporta a vicenda nei periodi difficili (che non mancano nel poker).

Puoi per esempio creare un tuo gruppo privato su Facebook dove discutere di mani regolarmente. Tutti i poker pro hanno un loro gruppo di amici che li supporta e li incoraggia“.

 

7 – Impara le percentuali

Così come devi avere un modo di giocare in automatico, devi anche conoscere le percentuali più importanti del poker senza doverci sempre riflettere.

Nota che la perfezione qui non è l’obiettivo. Non devi sapere che un draw ha esattamente il 34,17% di possibilità di chiudersi o roba simile. Va benissimo ‘1 volta su 3’.

Ecco un elenco di odds importanti da sapere secondo Williams. Memorizzale:

  • Odds di un flush draw con due strade da giocare – 1 su 3.
  • Odds di un flush draw prima del river – 1 su 5.
  • Odds di uno straight draw – poco meno del colore.
  • Odds di un gutshot con due strade da girare – 1 su 6.
  • Odds di un gutshot prima del river – 1 su 12.
  • Stack odds per il set mine preflop – 15 a 1.
  • Probabilità di floppare un set – 8,5 a 1.

 

8 – Impara la matematica

Un altro modo fondamentale ma trascurato di migliorare nel poker è conoscere la matematica di base. La cosa più importante è riuscire a calcolare le pot odds secondo Williams.

Step 1. Calcola la size del pot e aggiungi la puntata che stai fronteggiando. Step 2. Dividi il numero per la puntata. Esempio. Il pot è 4$ e il tuo avversario punta 2$. 4+2 fa 6; 6 diviso due fa 3. Le tue odds sono di 3 a 1.

Questo numero è importante perché lo puoi confrontare con le percentuali della tua mano e determinare se devi chiamare o foldare“.

 

9 – Guarda video di poker

Uno dei modi migliori per migliorare a poker è guardare gli altri mentre giocano. Youtube e Twitch sono i posti migliori dove puoi osservare professionisti e amatori in azione. Iscrivetevi ai canali di bravi giocatori o ad altri canali dove si possono imparare cose utili.

 

10 – Fai un corso di poker

I corsi di poker sono uno dei migliori investimenti che puoi fare, secondo Williams. Ovviamente hanno un prezzo. Williams consiglia per esempio il Poker Lab di Doug Polk. Per i giocatori italiani esistono altre soluzioni.

 

11 – Naviga nei forum

Williams parla probabilmente riferendosi all’offerta americana: “I forum di poker sono un bel modo gratis per imparare e migliorare nel forum. Puoi postare le mani e ricevere feedback dagli altri. Il lato negativo è che aperto proprio a tutti. Quindi ci troverai anche pessimi consigli, negatività e trolls”.

Qui da noi purtroppo i forum non sono più molto in voga. Diciamo che sono stati sostituiti dai social network. Vi consigliamo quindi di dare piuttosto un’occhiata al nostro gruppo Facebook ‘Come giochi?!?’.

 

12 – Studia dai libri

Solitamente i libri sono considerati degli strumenti un po’ obsoleti per studiare una materia in continua evoluzione come il poker. Williams però ci tiene all’argomento (forse perché di libri ne ha scritti tre) e dice: “I libri sono un ottimo modo per migliorare soprattutto per i principianti e per chi è bloccato ai micros“.

 

13 – Assumi un coach

Forse assumere un coach è la cosa migliore che si può fare per migliorare nel 2018. Ovviamente non è gratis e bisogna assicurarsi di pagare quello giusto.

Ma non c’è niente di meglio di un pro per rivedere le mani e la tua strategia, ricevendo qualche consiglio. Williams dice che non ha tempo per fare il coach; è già abbastanza impegnato a giocare, viaggiare e curare il suo sito.

 

14 – Studia le tue mani

Se non puoi permetterti un coach allora uno dei miglior modi per migliorarti è studiare le tue mani e correggere così i tuoi leaks. Puoi farlo grazie a dei tools come PokerTracker. Williams ne è un fruitore affezionato:

Molti pensano che programmi del genere servano solo per l’HUD ma non è assolutamente vero. Io ho speso ore infinite su PT per studiare le mie mani ed elaborare strategie. Uso anche i filtri per capire dove perdo i soldi e come evitare certe perdite“.

 

15 – Ricordati sempre del tuo ‘Perché’

Ecco l’ultimo consiglio di Williams: “Probabilmente hai iniziato a giocare a poker per divertimento, giusto? Beh, ricordati che deve essere sempre così.

La maggior parte dei pro che conosco grinda tutto il giorno perché ama svegliarsi e giocare a carte. Quando il poker diventa troppo serio, si comincia a perdere energia e desiderio di migliorarsi o perfino di giocare.

È un fatto provato, la gente è più motivata a imparare e migliorare quando ama quello che sta facendo“. Williams consiglia per esempio di provare a cambiare variante se vi viene a mancare l’entusiasmo.

 

Pensieri finali

Williams riassume così i 15 punti da lui elencati: “Imparare come si migliora nel poker non è difficile. Ci sono molti modi per farlo gratuitamente. Prima di tutto devi trovare la tua strategia di base e un giusto bankroll.

Poi devi approfondire guardando video e studiando. Devi inoltre circondarti di amici che ti aiutino a mantenere alta la motivazione anche nei periodi bui. Apri un blog o unisciti a una community. Infine non scordarti del perché hai iniziato a giocare a poker“.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari