Sunday, Oct. 20, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 6 Ott 2019

|

 

George Wolff bacchetta Sam Soverel a Pot Limit Omaha: che hero-call con Asso alta!

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

George Wolff bacchetta Sam Soverel a Pot Limit Omaha:  che hero-call con Asso alta!

Area

Vuoi approfondire?

Occhio a quei tre.

Il British Poker Open di inizio settembre ha regalato spettacolo ai tavoli da gioco grazie a tornei di assoluto rilievo in diverse discipline, dal No Limit Hold’em alla sua variante 6-plus, fino all’immancabile Pot Limit Omaha.

Ed è proprio di questa variante che andremo a parlare quest’oggi, specialità che nei due tornei da 10 e 25 mila sterline l’uno, ha visto avvicendarsi sul podio i soliti tre, anche se con ordine diverso: Stephen Chidwick, Sam Soverel e George Wolff.

In un gioco con ancora più variabili del No Limit Hold’em e ancora ben lontano dall’essere padroneggiato come il suo parente stretto, il fatto che questi tre abbiano monopolizzato il podio non è sicuramente un caso. Semplicemente hanno capito qualcosa più degli altri e lo spot che vi presentiamo ne è la testimonianza.

Wolf(f) di nome e di fatto

Siamo nella fase heads-up del PLO da 25K, George Wolff gioca da bottone con circa 1.2 milioni e apre le danze con A Q 10 8. Sam Soverel difende da bottone con Q 10 9 7 rimanendo con poco più di dieci big blind (225K).

FLOP: J 4 2 (pot 112K)

Soverel check-calla lac-bet 30K di Wolff.

TURN: 3

Check to check

RIVER: J

Soverel prende l’iniziativa e punta 80K su piatto da 172K, circa half. George Wolff si prende il suo tempo e annuncia il call con Ace High!

L’analisi dello spot

Nel Pot Limit Omaha i call con Ace High non sono proprio all’ordine del giorno.

Se nel Texas Hold’em siamo arrivati a vedere addirittura call con 8 alta (DATE UNO SGUARDO QUI per vedere cosa combino Davide Suriano ai tavoli cash) nel PLO, considerato il maggior numero di possibili combinazioni di valore in virtù delle 4 hole cards, le chiamate di questo genere risultano essere tanto rare quanto altamente spettacolari.

Farne una nel testa a testa decisivo di un High Roller da 25K, contro un avversario come Soverel, assume quindi ancora più valore e non a caso si tratta della mano che spianerà la strada a Wolff per la vittoria finale.

L’action al flop è tra le più standard, con la c-bet dell’original raiser e il call di Soverel col suo flush draw e una tonnellata di backdoor a scala.

Il doppio check al turn invece potrebbe essere un segnale più chiaro di quanto non sembri: il 3 chiude un draw a scala con A-2/6-7 ma non cambia sostanzialmente nulla.

Quando Soverel decide di puntare su river J sta dichiarando sostanzialmente di battere una pair su una texture che presenta una quantità enorme di missed draw.

Wolff evidentemente – evitiamo di inalberarci in digressioni sofisticate non essendo, chi vi scrive, un esperto nella suddetta variante – trova che il range con cui Soverel decide di puntare sia sbilanciato sul bluff e decide che investire 80K su pot da 252K (circa un terzo), sia un prezzo giusto per smascherare l’avversario.

Per la cronaca, Soverel chiuderà le British Open con due primi, due secondi e un terzo posto tra NLH e PLO: secondo voi sarà riuscito a consolarsi?

Ecco il video dell’action:

Se vi siete persi un altr hero-call da cineteca date uno sguardo a QUESTO messo a segno da Patrik Antonius ai danni di Charlie Carrel…

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari