WSOP – Phil Hellmuth batte Wolansky in rimonta nel NL Hold’em e vince il 15° braccialetto! | Italiapokerclub

Sunday, Mar. 29, 2020

Poker Live

Scritto da:

|

il 12 Lug 2018

|

 

WSOP – Phil Hellmuth batte Wolansky in rimonta nel NL Hold’em e vince il 15° braccialetto!

WSOP – Phil Hellmuth batte Wolansky in rimonta nel NL Hold’em e vince il 15° braccialetto!

Area

Vuoi approfondire?

The Poker Brat ce l’ha fatta: Phil Hellmuth stanotte ha migliorato il suo record di braccialetti delle WSOP mettendosi al polso il 15°!

Il ragazzone di Palo Alto era sicuramente uno degli osservati speciali tra i 39 left dell’evento #71, ovvero il $5.000 NL Hold’em da 30 minuti a livello.

Alla fine proprio lui (in mezzo a 452 entries totali) si è aggiudicato la prima moneta da 485.082$ grazie a una fortunata rimonta nelle fasi conclusive.

Steven Wolansky ha eliminato infatti Alan Sternbern in terza posizione, presentandosi all’heads-up in netto vantaggio su Hellmuth: 8.600.000 contro 2.700.000 chips.

Wolansky cercava il proprio terzo braccialetto in carriera, ma non ha fatto i conti con Hellmuth, che ha trovato una serie di raddoppi provvidenziali.

Prima per Hellmuth è arrivato un 2up con AK contro Q10. Il board 783 5 9 non ha regalato nulla.

Poi è arrivato un 2up decisamente più fortunato per Hellmuth, che si è trovato dominato con K10 contro KJ. Il board Q57 Q 10 ha concesso un miracoloso 10 al river!

Nell’ultimissima mano Wolansky ha pushato 3.650.000 con A9 e Hellmuth ha chiamato con 33. Il flop è stato beffardo: 923! Turn 6 e river 8 hanno fatto partire l’ennesimo tam tam mediatico su Hellmuth che ha quasi oscurato i finalisti del Main Event.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Dopo il flip vincente, Hellmuth si è concesso a interviste e foto di rito, parlando un po’ di tutte le sue Series: “Ho avuto una settimana di alti e bassi“.

Il riferimento è ovviamente alla discussa eliminazione di James Campbell: “Quella sera non ho dormito e il giorno dopo ho giocato male per la stanchezza. Restituire il buy-in a Campbell non mi ha fatto sentire meglio. Almeno sono passato da 400 tweets negativi a 600 positivi in un giorno“.

Ma veniamo all’evento #71: “Prima di questo torneo ho chiamato mia moglie e le ho detto che non ero sicuro di voler giocare. Lei mi ha detto di sedermi e basta. Non è facile quando sei in un momento negativo. Ma ho mantenuto la positività ottenendo un grande risultato.

Nell’heads-up finale Wolansky non voleva mollare e ho dovuto rubare un sacco di piatti per darmi una possibilità di vincere.

Vincere il 15esimo braccialetto significa tutto per me. Il poker è al primo posto della mia vita. Al secondo posto c’è la positività che voglio diffondere nel mondo. Voglio ispirare la gente dando il mio meglio, come hanno fatto Michael Jordan o Tiger Woods ad altri livelli“.

E le WSOP di Hellmuth non sono finite qua: “Non sono molto stanco, non abbiamo giocato troppe ore. Ho ancora energie e tornerò a giocare domani o dopodomani“.

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari