Thursday, Sep. 19, 2019

Storie

Scritto da:

|

il 28 Set 2016

|

 

Reg identikit – Filippo ’19JAHJAH92′ Zanandrea: “Il mio mentore? Mio fratello Mattia!”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Reg identikit – Filippo ’19JAHJAH92′ Zanandrea: “Il mio mentore? Mio fratello Mattia!”

Area

Vuoi approfondire?

Dopo aver cercato, per settimane, di scoprire chi si celasse dietro il suo nick, “19JAHJAH92“, siamo finalmente riusciti a centrare l’obiettivo.

Lui è Filippo Zanandrea, viene da Marano Vicentino e, come è facile intuire, ha 24 anni. Il fratello maggiore Mattia, regular a sua volta, fu il primo a introdurlo nel mondo del poker:

“Ho conosciuto il Texas hold’em tramite amici e soprattutto mio fratello circa 7 anni fa. Accompagnai un mio amico a fare un sit’n’go a casa di Mattia, dove giocavano tra amici; io non volevo giocare, non ero capace. Dopo avermi ripetutamente sollecitato mi convinsero a sedermi al tavolo; nemmeno a dirlo, vinsi giocando completamente a caso. Ovviamente il poker iniziò improvvisamente a piacermi, ma per diverso tempo è stato solo un passatempo. Mi 2010, appena compiuti 18 anni, mi registrai su PokerStars e Full Tilt dove giocavo sit’n’go microlimiti e raramente qualche torneo da 10-20€. Una sera vinsi circa 2.500€ facendo terzo a un torneo su full tilt e 2.000 € chiudendo runner-up il mini NOS. Avevo un bankroll. Così iniziai a salire, potendomi permettere un abi un pò più elevato: mtt da 30€ meno e sit da 5 e da 10 €. Ai tempi però andavo ancora a scuola ed era davvero dura far combaciare gli orari del gioco con quelli delle lezioni! Per questo giocavo mtt prevalentemente venerdì sera e sabato pomeriggio, e sit’n’go durante la settimana. In circa un mese vinsi 10k in MTT così, una volta terminati gli studi, abbandonai definitivamente i sit’n’go per tuffarmi a pieno nel mondo dei tornei. I reg della mia zona quali ‘ninetto1989′, ‘poppy1991‘ [Nuvola e Zanellato, ndr.], e ovviamente mio fratello, avevano già una buona esperienza e fu fondamentale confrontarmi con loro per migliorare rapidamente.”

La scalata di Filippo diventa sempre più vertiginosa. E il suo curriculum pokeristico s’impreziosisce sempre più:

“Alcuni anni dopo, ironia della sorte, vinsi un Sunday Special full tilt edition, dove feci un deal a 3 e presi circa 46.000€ che a oggi che è anche la mia vincita più alta. Da lì in poi si può dire che è stata tutta discesa; nel 2014 mi sono trasferito a Malta con mio fratello. Iniziai ad esplorare il dot com: tutt’altro palinsesto, mtt da buy in elevatissimi e molti più iscritti. Anche qui, all’inizio, sono partito ad average buy in abbastanza basso ma un secondo posto ad sunday storm da 11$ mi permise di mettere in cassa 20k e alzare nuovamente il mio ABI. Lo scorso anno, per vari motivi, ce ne siamo andati da Malta: da circa 8 mesi abito a Praga con Mattia e un amico.”

aia

Il mostruoso grafico di “19JAHJAH92” relativo esclusivamente al punto it.

Lo spending giornaliero di Filippo? Non esattamente bruscolini…

“Il mio spending giornaliero si stanzia intorno ai 1.000-1.200€ al giorno, ma la domenica posso arrivare a giocare anche 3k di mtt fra it e com. Pochi giorni fa ho fatto un 9/5.000 ad un torneo wcoop; soddisfazione e rammarico vanno di pari passo quando vinci 20k, ma al primo ne andavano 260. Ad ogni modo, per cercare di avere una qual certa costanza di risultati, credo ancora oggi nell’importanza del confronto con gli altri: fare review con gli amici reg ti aiuta a capire dove sbagli, anche i minimi errori.”

In ultimo, come da tradizione di rubrica, Filippo ci ha rivelato i nomi dei player che sono stati per lui fonte d’ispirazione:

“Quando iniziai a giocare su stars ammiravo alcuni reg del punto it, ma preferisco tenerli per me, anche perché oggi, per quel che concerne il field italiano, nonostante si stia indurendo, non c’è alcun player per cui nutra particolare stima. Se devo fare dei nomi a livello globale direi Fedor Holz, e questo è facile, e Sam Greenwood!”

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari