Thursday, Sep. 16, 2021

Storie

Scritto da:

|

il 29 Ago 2016

|

 

Reg identikit – Paolo ‘folliabartko’ Baroni: “Amo il poker perché mi permette di girare il mondo!”

Reg identikit – Paolo ‘folliabartko’ Baroni: “Amo il poker perché mi permette di girare il mondo!”

Area

Vuoi approfondire?

Per la nostra rubrica “Reg identikit” siamo andati quest’oggi a pizzicare un grinder che da qualche tempo ha deciso di emigrare in Messico, location dalla quale, oltre a godersi paesaggi e panorami unici, ha la possibilità di mixare punto it e dot com.

Lui è Paolo “folliabartko” Baroni  e la sua storia pokeristica nasce nel lontano 2009:

“Guardando la TV vidi quegli strani personaggi: Antonio ‘The magician’ Esfandiari con tutti i suoi trick, Phil Ivey, che sembrava un giocatore di golf, Gus Hansen, Phil Hellmuth, Phil Laak e il pirata italiano, Max Pescatori, che giocavano a questo gioco. Il giorno dopo m’informai su come aprire un conto online e in men che non si dica ero seduto anche io ad un tavolo di Texas Hold’em. Notai fin da subito che si potevano vincere dei bei soldi così dopo poco tempo investii una piccola cifra comprando diversi libri tra cui quelli di Harrington e quello di Gus Hansen.”

La formazione da autodidatta e una passione smodata convincono Paolo a darci dentro:

Ho capito di poterci provare seriamente dopo aver conosciuto alcuni reg del .it che mi diedero fiducia stakandomi e sopratutto insegnandomi come battere il field .it. Credo che negli MTT la soddisfazione di poter alzare la coppa e di mettersi alle spalle tot avversari è qualcosa che non ti può dare il Cash game. Non ho praticamente quasi mai giocato cash, se non per passare il tempo o al circoletto vicino a casa quando andavo a fare tornei live e uscivo prematuramente. Nel 2014 in seguito ad un downswing molto importante decisi di partire con lo zaino in spalla direzione Brasile. Furono 3 mesi molto intensi e particolari dove ritrovai la serenità e la tranquillità che mi avevano abbandonato nei mesi precedenti. Durante questa esperienza capii quanto ero fortunato potendo unire queste 2 cose, viaggiare e lavorare da dovunque volessi.”

Lo shippo più significativo centrato da Paolo avviene dunque proprio sul dot com:

“Da inizio anno ho giocato circa 5k tornei ad abi 28 ma considera che mi sono preso un paio di mesi di ‘vacanza’ dove ho cliccato pochissimo causa matrimoni in Italia e piccola vacanza. Multiroommo giocando su it. fr e .com. e lo spending giornaliero varia molto perché avendo la possibilità di iniziare a cliccare con la luce del sole a volte si rischia di rimanere al pc anche 16 ore o come è capitato a me durante una diretta su Twitch anche 24 ore. Lo shot più importante è legato ad un Main Event di Winamax, Torneo settimanale da 150€ di buy-in, strutturato su 3 Day1 e finalday: vinsi circa 18.000€ dopo aver fatto un deal HU.  Sicuramente il rammarico più grosso è aver fatto quest’anno un final table alle scoop dot com dove il primo prendeva qualcosa come 130k e aver chiuso al nono posto.”

overall

Il grafico overall di “folliabartko” sul punto it.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

“Al momento vivo a Playa del Carmen con la mia bellissima ragazza che amo alla follia ed altri 2 grinder italiani, Leonardo ‘RookieLe’ Tononi e Alessandro ‘Pr3d4’ Predaroli con cui stiamo mixando .it .fr e obv .com. Il Messico è stato scelto per aver la comodità di una vita “normale”. Iniziare le nostre sessioni MTT intorno alle 12 e una volta finito andare a cena, a bere qualcosa o vedere un film tranquillamente non alle 6 del mattino è troppo più comodo. Vivendo qui è abbiamo avuto la fortuna di conoscere tanti top reg stranieri tra cui Marvin Rettenmaier uno che oramai è un ‘aficionados’ di casa nostra, viene anche la domenica a cliccare per non parlare dello scrocco della pasta italiana. Credo che la liquidità condivisa per quanto riguarda i tornei darebbe una bella scossa a tutti i paesi coinvolti, i garantiti aumenterebbero e diversi occasionali tornerebbero a giocare ingolositi da queste possibili vincite.  Sicuramente non tornerei in Italia a cliccare full time perché amo girare il mondo con la mia ragazza e questo lavoro me lo permette.”

grinders

Paolo, a destra, in compagnia di Alessandro Predaroli e Leonardo Tononi

In questi ultimi tempi, Baroni ha anche provato ad addentrarsi nel magico monda della piattaforma viola:

“Credo sia ancora presto per esprimersi su Twitch come mezzo per rilanciare il poker giocato ma sicuramente può dare una grossa mano. Ricordiamoci che ogni mese su Twitch ci sono non so quanti milioni di utenti attivi! Al giorno d’oggi per uno streamer italiano superare le 200 visualizzazioni durante uno streaming è molto difficile se non durante qualche final table importante quando in media uno streamer straniero arriva a circa 300 di media durante tutta la sessione. Molte persone non capiscono che Twitch offre un servizio completamente gratuito, un servizio di coaching gratuito! Anche se uno fosse più scarso di noi, potremmo sempre capire qualcosa (ad esempio come ragiona un determinato tipo di giocatore). Per non parlare nel caso volessi iniziare a provare a giocare a poker. Twitch sarebbe la prima cosa a cui mi appoggerei perché lì potrei vedere, discutere e capire il perché di certe cose. Per quel che mi riguarda al momento per problemi con le linee internet messicane ho dovuto mollare non potendo offrire una trasmissione di buon livello, ma sono convinto che prossimamente torneremo operativi.”

baroni
“Credo che lo studio al giorno d’oggi sia la cosa più importante, analizzare il proprio gioco e confrontarlo con quello degli altri reg ti aiuta tanto a migliorare ma principalmente a commettere meno errori in fasi dove i soldi iniziano a “pesare”. Allo stesso modo penso che il confronto con altri reg sia molto importante specialmente quando hai la fortuna di poter parlare/analizzare/discutere di poker con topreg, ma ricordiamoci che loro sono arrivati li perché prima di noi hanno studiato tanto. Avere la possibilità di fare tutte e due le cose ci renderà sicuramente dei giocatori migliori più velocemente.”

In ultimo, come da tradizione per la nostra rubrica, il 32enne emiliano ci ha rivelato i nomi dei player che ha come ‘mentori’:

“Per quel che concerne il punto it direi sicuramente Girex e Camosc [Davide Marchi ed Enrico Camosci, ndr.] perché nell’ultimo anno e mezzo ho avuto la fortuna di potermi confrontare e assistere alle loro sessioni a Malta, Top2 Italia! Se devo fare un nome relativo al dot com direi proprio il caro Marvin Rettenmaier perché è diventato un caro amico e mi piace tanto come affronta la sua vita extra poker nonostante abbia vinto più di qualcosina ed è fortissimo. Overall direi Michael Mizrachi e Steve O’Dwyer perché sono al vertice da anni e non vogliono saperne di mollare.”

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari