Tuesday, Nov. 12, 2019

Strumenti

Scritto da:

|

il 21 Apr 2016

|

 

Recensione GTOrangebuilder – software online per studiare la Game Theory Optimal e il gioco exploitative

Recensione GTOrangebuilder – software online per studiare la Game Theory Optimal e il gioco exploitative

Area

Vuoi approfondire?

La GTO è sicuramente uno degli argomenti più scottanti del mondo del poker.

Una strategia di gioco perfettamente equilibrata -e di conseguenza inexploitabile- è virtualmente possibile ma praticamente impossibile da applicare, considerando l’infinità di variabili da considerare e che la disciplina studia gli equilibri tra due giocatori che giocano una GTO perfetta.

In ogni caso lo studio di questa teoria può dare ottimi risultati anche nel gioco exploitative, facendoci capire nel dettaglio quando e come un nostro avversario devia dalla frequenza ottimale delle sue action, e parallelamente aiuta noi a non sbilanciarci troppo quando non è il caso (per approfittare dei leak dei nostri avversari è necessario deviare dalla GTO, e proprio questo è il “punto debole” di questa strategia).

Per addentrarci nel dettaglio di GTO ed exploiting quindi vi presentiamo un software molto facile ed intuitivo che potrà esservi molto utile nell’analisi e lo studio off-game: GTOrangebuilder.

Il software si trova online all’indirizzo gtorangebuilder.com e si trova soltanto in web version, ovvero non è scaricabile sul nostro pc.

L’interfaccia iniziale è abbastanza semplice, una guida vi spiegherà come utilizzare il programma e come è strutturato: dovremo inserire le carte del board (la versione free consente di analizzare solo action al river), l’entità del piatto, lo stack effettivo (quello minore tra il nostro e quello avversario), la posizione di Hero, e le size di puntata disponibili, in percentuale al piatto.

Possiamo approfondire la sezione bet sizing inserendo le varie size di bet e raise per ogni street sia nostre che del nostro avversario, e aggiungere nella sezione “advanced settings” dei limiti o delle impostazioni, a volte utili per analizzare una mano in termini di exploiting e non di GTO, come “Oppo deve checkare”, se conoscendo l’avversario sappiamo che in determinato spot checkerà tutto il suo range.

Poi inseriamo i range di hero e di oppo delineati in base all’action, ovvero non i range iniziali del preflop, ma sfoltiti in base alle mosse eseguite nelle varie street (un 7-6s su board T-J-Q-K verosimilmente folderà alla second barrel). I range si possono approfondire nel dettaglio limitandone le combo e addirittura la probabilità che giochi quella mano (ad es. un avversario che a volte chiama a volte folda T-8s preflop, potremo inserirla nel range con un 50% di possibilità).

Clicchiamo “Solve” e dopo pochi secondi si passa alla parte interessante del programma:

Gtosolv2

Cliccare sull’immagine per ingrandire

 

In alto a destra avremo il riassunto dei dati inseriti, il Nash Equilibrium EVs di Hero e oppo e la Nash distance, ovvero il massimo discostarsi dell’EV calcolata.

Al centro l’albero di possibilità della mano analizzata: il nostro avversario checkerà, punterà X o punterà Y? E dopo la sua azione noi cosa faremo? Passeremo, chiameremo, rilanceremo, pusheremo…? Ognuna di queste domande è ben visibile ai nodi dell’albero (in azzurro), che riportano anche con quanta frequenza ci troveremo in quella situazione secondo l’analisi del software basata sui dati inseriti. Possiamo cliccare su qualsiasi nodo per approfondirne i dettagli nella finestra laterale.

Nella finestra laterale troveremo intanto l’ultima action effettuata, gli stack dei giocatori, divisi in “in possesso”, “in gioco” e “in totale” e l’EV di entrambi i giocatori a quel punto della mano.

Nell’Interactive Grid View troveremo un’intuitiva rappresentazione grafica dei range dei due giocatori: in GTO Strategy troveremo le frequenze di puntata ottimali per ogni mano di oppo, la probabilità che oppo abbia quella mano e l’EV della mano; in Hero e Villain Range troveremo le mani nel range nostro o di oppo, la loro frequenza ed il loro EV.

range

In Sortable List troviamo tutte le singole combo di Hero o di Villain, la loro frequenza ed il loro EV.

Importante per lo studio delle meccaniche exploitative è il “Customize Game Tree” che troviamo nella pagina iniziale. Torniamo indietro, clicchiamo la casella corrispondente che si trova sotto a “Game State” e ci si riaprirà l’albero decisionale, dove vengono riportati i nodi, le mani possibili di Hero e Villain, e la complessità della mano ottenuta sommando tutti i possibili sviluppi, mano per mano e situazione per situazione.

Clicchiamo su un nodo e avremo la possibilità di personalizzare l’albero in maniera attiva basandoci sulle nostre informazioni sull’avversario: al river non betterà mai? Clicchiamo tutti i nodi corrispondenti ad una bet e li eliminiamo. Potrebbe puntare o rilanciare una size particolare? Clicchiamo il nodo precedente ed aggiungiamo un ramo.

La parte più importante è però il “Lock Strategy” dove potremo modificare a nostro giudizio le frequenze di ogni mano avversaria, ad esempio se sappiamo che hero-callerà poco andremo nella sezione Hero bet > Villain calls, cliccheremo “Lock Strategy”, andremo a modificare la frequenza di bet-call-raise sbilanciandola verso il fold e la applicheremo a tutti i suoi Ace-High. Poi ricalcoliamo il processo ed ecco che compariranno le frequenze ottimali di ogni move adattate all’avversario in questione.

lock strategy

Potrà sembrarvi difficile, ma dal lato tecnico il programma è molto semplice in realtà. La difficoltà arriva dopo, al momento dell’interpretazione e dell’applicazione in game di quello che abbiamo imparato… beh buona fortuna!

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari