Friday, Dec. 9, 2022

Poker Live

Scritto da:

|

il 6 Lug 2015

|

 

WSOP – ‘Maxshark’ a un passo dal final table: “Soddisfazione immensa, ora tutti sono scarati ma se arrivano carte…”

WSOP – ‘Maxshark’ a un passo dal final table: “Soddisfazione immensa, ora tutti sono scarati ma se arrivano carte…”

Area

Vuoi approfondire?

Una notte per riflettere.

Solitamente non c’è questa possibilità per un giocatore alle World Series of Poker.

Nel day 3 si passa da una situazione 40/50 left al final table e si arriva solitamente al decretare il vincitore. Soltanto raramente si gioca un day 4 con gli ultimi due o tre giocatori rimasti.

Nell’evento 66 però i giocatori arrivati all’unofficial final table si sono alla fine accordati per tornare tutti e 10 domani di buon ora (le 12 a Las Vegas, le 21 ora italiana) per giocarsi i premi che contano e soprattutto il sogno di un braccialetto alle World Series.

Tra i dieci ancora in gara, nove sono statunitensi e l’unico straniero è l’azzurro Massimo “Maxshark” Mosele, pro di PokerYes, che ha imbustato 1.135.000 gettoni, penultimo stack tra quelli dei giocatori rimasti.

stack mosele

“La situazione era abbastanza tesa a fine giornata. Per 3 volte gli short in all in hanno raddoppiato. Se no avremmo finito il day 2 da un’ora con la composizione del Final Table”.

Mosele non è nuovo a deep run alle World Series of Poker visto che nel 2013 è arrivato a 3 tavoli left nell’evento 6 max da 5.000$, ma poter accarezzare il tavolo finale, la diretta streaming dal Rio e avere una claque di tifosi alle spalle non è sicuramente un’esperienza da tutti i giorni anche per un professionista navigato come Maxshark:

“E’ una soddisfazione immensa arrivare 10 left su un torneo con4.422 partecipanti alle World Series. Sarei però ipocrita, presuntuoso e poco onesto a non dire che sono arrivato fino a qui con tanta fortuna come è sempre in questi field giganti”

Max sta per andare a ritemprare lo spirito conscio del fatto che “puoi giocare un ottimo poker ma se non trovi il tavolo con gli amatori che ti regalano chips inseguendoti e pagandoti quando hitti, o se non hai la fortuna di trovare lo spewer che ti pusha mani trash 30x e tu hai gli assi, puoi essere chi vuoi ma non arrivi. E questo potrebbe accadere per 500 tornei consecutivi”.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

La varianza negli MTT, tema tanto caro a Mosele, il quale da anni ha scelto la vita del professionista di poker e per il quale sembra proprio la ciliegina sulla torta questo risultato alle World Series.

“Ho giocato il mio solito poker che mi fa campare da anni nel poker online. La differenza rispetto al passato è che per due anni mi hanno fatto impazzire in colpi sfavorevoli mentre in questi tre giorni mi è andata tutto bene e spero mi vada bene anche domani”.

Il riferimento è chiaro a una mano cruciale di questo day 3 in cui la coppia di 7 ha assicurato un monster pot a Maxshark ai danni dell’altro nostro connazionale ancora in gara, quel Rocco Palumbo, braccialettato nel 2012 dal quale speriamo Max possa aver preso un invisibile testimone.

mosele tweet

“Arrivati a 20 left se non hai la fortuna di vincere i flip determinanti non puoi certo andare avanti. Non sono qui a Las Vegas per foldare quando è ora di mettere le chips nel mezzo”.

La bolla del final table però visti anche i continui raddoppi degli short che hanno negli ultimi minuti di giornata sopravanzato Mosele si fa sentire per tutti, anche per un professionista come Faraz Jaka, settimo nel count, che insegue da tantissimi anni la soddisfazione del braccialetto.

Non fa eccezione quindi il nostro Max che candidamente ammette: “Tutti i rimasti sono scarati, compreso me stesso e non mi vergogno a dirlo perchè sarei falso. Però se mi arrivano carte devo metterle in mezzo come ho fatto nell’ultima mano su apertura del bottone sul mio grande buio. Io ero avvelenato perchè per tre volte avevano raddoppiato gli short e avevo 13/14 x. Allora ho preso il coraggio e repushato K6 suited. Alla fine l’avversario ha tankato per 3 minuti ma ha foldato e io ho gli mostrato il 6. Sono convinto potrò sfruttare questa cosa domani”.

L’appuntamento per la storia è fissato quando in Italia saranno le 21.

Segui e commenta la cavalcata di Max verso il grande sogno sulla pagina facebook dell’evento WSOP!

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari