Thursday, Oct. 6, 2022

Strumenti

Scritto da:

|

il 13 Lug 2015

|

 

Germania Super, tracollo Francia: come si stanno comportando le Nazioni schierate al Main Event WSOP

Germania Super, tracollo Francia: come si stanno comportando le Nazioni schierate al Main Event WSOP

Area

Vuoi approfondire?

Dal 2007 ad oggi, il numero dei partecipanti al Main Event Wsop sembra essersi attestato intorno alle 6.000 unità: fatta eccezione per il 2010, in cui ci furono ben 7.319 iscritti, dall’anno della vittoria di Jerry Yang a oggi si è ondeggiato da un minimo di 6.352 iscritti (2013) a un massimo di 6.865 (2011).

Ai blocchi di partenza del Main di quest’anno di sono presentati in 6.420, a testimonianza di un andamento che appare piuttosto costante.

Tra i partecipanti al torneo dei tornei, ben 4.778 giocatori sono statunitensi. Seguono Canada con 323 player schierati, Regno Unito 279, Francia 84, Germania 82, Russia 76, Brasile 68, Australia 67 e Italia 51.

Dall’Angola a Puerto Rico, passando per Bosnia, Mongolia e Barbados, sono ben 15 gli stati che hanno presentato un solo “atleta” ai blocchi di partenza.

Quando siamo a poche ore dall’inizio del day6, con solamente 69 player ancora in gioco, le percentuali sulle 12 nazioni ancora in gioco sono piuttosto emblematiche se rapportate a quelle di fine Day1.

La Germania testimonia ancora una volta di essere una superpotenza, potendo contare su 5 alfieri (7.2% dei giocatori ancora in gara): Fedor Holz, Anton Morgenstern, Kilian Kramer, Hans Hein e Alexandr Turyansky.

Il Canada ha ancora 6 portabandiera (8.6% dei player ancora in gioco), ma il raffronto in rapporto al numero di iscritti e players left è eloquente: a inizio torneo, Negruanu & Co. formavano il 5% del field complessivo del Main Event, a differenza dell’1.2% teutonico.

In percentuale bene ma non benissimo gli statunitensi: 42 su 69 rimasti (60.8%) a fronte del 75% di giocatori a stelle e strisce presenti allo shuffle up and deal.

E’ disastro completo per i cugini francesi: oltre a non aver vinto un solo braccialetto in tutte le World Series, nessun transalpino potrà concorrere questa notte per la prima moneta da 7.680.000$.

loosli

Il francese Sylvain Loosli, 4° classificato al ME 2013

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Il provvisorio chipleader Pierre Neuville è uno dei soli 12 belga iscritti a questo main event.

Dall’altra parte del count Marcus Van Opzeeland è l’unico rappresentante dei Paesi Bassi rimasto in gara sui 23 partenti. Lo scorso anno l’olandese Jorryt Van Hoof si presentò chipleader al final table, chiudendo al terzo posto conclusivo.

A tal proposito, l’edizione 2014 è stata la prima nella storia ad avere un podio tutto “straniero”: mai, prima di allora, uno statunitense aveva mancato il podio nel torneo più prestigioso al mondo.

In gara ci sono inoltre 4 britanici, 3 israeliani, 2 svedesi, 1 portoghese, 1 brasiliano, 1 ucraino, 1 russo e il nostro Federico Butteroni, che dovrà dare il meglio di sé nel tavolo che lo metterà di fronte a David Peters e Patrick Chan.

Il romano ha già assicurato la settima moneta azzurra di sempre al Main Event nella speciale classifica che vede primeggiare Sergio Castelluccio (14° nel 2013) e l’indimenticabile Filippo Candio, quarto nel 2010.

 

Per seguire e commentare in diretta l’impresa del nostro azzurro  partecipa all’evento WSOP su Facebook!

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari