Wednesday, May. 22, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 13 Lug 2015

|

 

Ributterà il Main WSOP alle ortiche? Dopo l’epic fail del 2013, Anton Morgenstern ci riprova!

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Ributterà il Main WSOP alle ortiche? Dopo l’epic fail del 2013, Anton Morgenstern ci riprova!

Area

Vuoi approfondire?

Oltre a Brian Hastings, Justin Bonomo, Daniel Negreanu, Matt Jarvis, Fedor Holz e il nostro Federico Butteroni, tra i 69 giocatori che ripartiranno questa notte per il Day6 del Main Event WSOP c’è anche il tedesco Anton Morgenstern, 17° provvisorio con ben 4.200.000 chips.

Vi dice niente questo nome?

A differenza di tanti suoi connazionali, nonostante le indiscusse qualità dimostrate online (è uno specialista heads-up) Morgenstern vanta una bacheca di risultati live piuttosto modesta, appena 180.000$ di vincite se andiamo ad escludere un torneo giocato esattamente due estati fa che lo fece salire agli onori delle cronache.

Già, perché proprio al Main Event del 2013 Anton ebbe l’opportunità di dare una svolta -e che svolta! – alla sua carriera: a 27 left era infatti massive chipeleader con 25.000.000 di chips contro appena 13.000.000 del suo primo inseguitore!

Morgenstern stava letteralmente distruggendo il torneo, ma si sa, gli eccessi di un gioco estremamente aggressivo rischiano di ritorcersi contro proprio quando più conta.

Ecco dunque che nel giro di poche mani, Anton vede crollare l’imponente castello di chips che si era creato, andando a compromettere non solo la vittoria finale, ma addirittura l’accesso al final table.

Chiaramente, oltre a qualche spewata, di mezzo c’è stata anche un po’ di sfortuna.

Una delle mani che segnava definitivamente il torneo del tedesco arrivava contro Mark Newhouse: sull’apertura da Hijack di Morgenstern, Newhouse flatta da bottone.

Flop 2AA. C-bet per Morgenstern, call. Turn 3. Bet 750.000 Morgenstern, raise 2.000.000 Newhouse, raise 3.900.000 per Anton, all-in e call. Morgenstern gira AJ, Newhouse 22, un full house che tiene su river 4.

Di lì a poco, Anton perse anche le sue ultime chips, chiudendo solamente 20° per 285.000$.

Per rivedere quell’incredibile caduta libera, ecco un video che ripercorre tutto il suo Main Event 2013:

httpv://www.youtube.com/watch?v=y5aze5nzg4o

Che gli sia servito da lezione? Possibile, ma non possiamo metterci la mano sul fuoco.

Anche ieri, a un’ora e mezzo da fine day, Morgenstern si trovava chipleader con 5.700.000, ed è riuscito a dilapidarne un milione e mezzo di chips prima della chiusura delle buste.

Ma in fondo è proprio questo il bello e il brutto di un gioco spumeggiante come il suo; prendere o lasciare. O tutto o niente.

E stando a quanto combinato proprio da Mark Newhouse lo scorso anno, 9° classificato per due anni di fila (!), le possibilità che Anton faccia tesoro dell’esperienza di due anni fa non sono affatto certe…

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari