Friday, Oct. 22, 2021

Poker Live

Scritto da:

|

il 23 Dic 2016

|

 

Thinking Process – Alec Torelli e un 5-bettato oop da artista!

Thinking Process – Alec Torelli e un 5-bettato oop da artista!

Area

Vuoi approfondire?

Oltre ad essere uno dei player più brillanti in termini di ‘hand review’, Alec Torelli gioca. E come se gioca.

Uno degli ultimi spot finiti sotto la sua lente d’ingrandimento riguarda infatti egli stesso, impegnato al Poker Night America, cash game 25-50$ al Seminole Hard Rock Casinò di Hollywood, Florida.

Ve lo riproponiamo nella nostra grafica e lasciamo spazio all’impeccabile Thinking Process del grinder italo-americano.

manofig

“Dopo l’apertura del player Utg, Blake tribetta 375$ da Utg+1, una size piuttosto piccola e per certi versi abbastanza strana. Ho subito avuto la sensazione fosse una tribet fatta per conquistare la lead aggression piuttosto che per proteggere/rilanciare una mano di valore puro. Dopo il cold-call di MP, mi ritrovo da small blind con A-Q e il call non è una grande idea. Opto dunque per una 4-bet a 1.500$. Folda Utg e Blake, con mia sorpresa, 5-bet a 3.000$. Passa mp e a questo punto, seguendo l’intuizione avuta sulla tribet e godendo di uno stack davvero deep, decido di chiamare, seppur oop. 6-bettare to fold non avrebbe senso!”

Il flop è davvero iper dry e la situazione di partenza non dovrebbe essere mutata:

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

“Su questa texture Bohn c-betterà il 100% delle volte sia qualora avesse valore sia qualora fosse in bluff. Per questo, coerente con il call pre, non posso far altro che check/callare per rivalutare turn. Callando in questa street, tra l’altro, rappresento davvero molta forza e il mio avversario potrebbe iniziare a pensare io abbia nascosto una monster e arrendersi nelle street successive.”

Il turn è un 7. Alec checka e Blake checka back.

“Il check back di Blake non mi fa così felice. Con combo di bluff quali 8-T, 5-6, 6-8 avrebbe presumibilmente bettato ancora. E lo stesso avrebbe fatto con overpair. Indi per cui o sta davvero giveuppando del tutto o ha centrato mid value con il 9 o proprio con quel 7, carte ‘complicate’ visto che rientrano nel suo ipotetico range di 5-bet bluff pre.”

Il river è un 5 che verosimilmente non cambia nulla:

“Su questa texture, dopo questa action, ho sostanzialmente la peggior mano possibile io possa avere. Per questo motivo, nonostante ai suoi occhi possa avere diverse mani come A-Q o A-K turnate in bluff, tante altre sto rappresentando piuttosto coerentemente J-J, Q-Q, K-K e A-A. Ipotizzando possa davvero avere qualche mano con un 9, un 7 o un 5, devo bettare una size piuttosto corposa, in modo che sia scoraggiato a chiamare! Avrei potuto bettare anche più grosso, ma non volevo polarizzarmi esageratamente: bettando 15.000$, ad esempio, avrei rappresentato quasi solo A-A, 9-9 o bluff. Dopo una lunga riflessione, Bohn decide di passare: ammetto che ho sudato davvero freddo in questo piatto, ma alla fine è andata come speravo!”

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari