Saturday, Dec. 7, 2019

Storie

Scritto da:

|

il 2 Dic 2019

|

 

Poker high stakes a bordo di un jet privato: la lezione di Tony G a Phil Ivey e Tom Dwan!

Poker high stakes a bordo di un jet privato: la lezione di Tony G a Phil Ivey e Tom Dwan!

Area

Vuoi approfondire?

Pokerino tra amici? Perché no…

La differenza sta tutta nelle proporzioni, perché a chiunque sarà capitato di improvvisare una partita coi propri compagni di viaggio.

Quando però i protagonisti si chiamano Phil Ivey, Tom Dwan e Tony G, bisogna sempre aspettarsi qualcosa di poco ordinario e infatti così è stato.

Nel volo di ritorno dalle Bahamas, il trio delle meraviglie non ha resistito alla tentazione di cimentarsi in 3-handed spettacolare dal buy-in non proprio alla portata di tutti…

No limit plus

Il jet privato che porta a Vilnius, capitale della Lituania nonché città nella quale Antanas Gouga – Tony G – ha esercitato le sue funzioni da politico per una decina d’anni, diventa il teatro ideale per una partita high stakes.

Buy-in da 127.000 dollari e due varianti a disposizione, il No Limit Hold’em e il Pot Limit Omaha, entrambi in formato 5 plus.

Che significa five plus? Semplice, le carte sotto il 5 vengono escluse dal mazzo e si gioca con le restanti. Una versione alternativa allo Short Deck o Six Plus Hold’em se preferite, tanto amato dalle parti di Macao prima e di Vegas poi.

A giudicare da quanto pubblicato via social, il duo Ivey-Dwan ha pagato dazio in favore di quella vecchia volpe di Tony G, che ha colto subito l’occasione per scherzare sull’accaduto.

Buoni come il vino

Sarà che trovarsi con qualche centinaio di migliaia di dollari in più in tasca mette inevitabilmente di buonumore, ma sarebbe sbagliato giustificare in questo modo le parole al miele di Tony G nei confronti dei suoi avversari:

Da sinistra a destra: Paul Phua, Phil Ivey, Tony G e Tom Dwan

Ivey e Dwan fanno parte della vecchia generazione di poker player e sono un po’ come il vino: più passa il tempo è più migliorano. Giocarci contro è divertentissimo, poi loro sono speciali e il talento di certo non gli manca.”

In preda a uno slancio d’affetto, Tony G ha avuto qualcosa da dire anche su Paul Phua, anch’esso in viaggio a bordo del suo jet privato dalle Bahamas alla Lituania:

Paul mi ha aiutato a innamorarmi di nuovo del poker!

Insomma, i tre dell’Ave Maria assieme a Paul Phua e il compagno di ventura Danny Tang si sono ritrovati tutti al casinò Olympic di Vilnius.

D’altronde, dopo un pokerino rilassante con gli amici sarà pur ora di fare sul serio e cimentarsi in qualche partita high stakes…

Nel mentre date uno sguardo al Dwan-pensiero sulla scena high stakes del futuro CLICCANDO QUI

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari