Thursday, Oct. 21, 2021

Poker Live

Scritto da:

|

il 18 Mar 2021

|

 

A scuola di Tell dai pro: parlano Sam Trickett, Steve O Dwyer e Trueteller

A scuola di Tell dai pro: parlano Sam Trickett, Steve O Dwyer e Trueteller

Area

In un momento come mai prima d’ora dove la strategia applicata al poker è estremamente complessa, tra GTO, exploiting, balancing e frequenze, si tendono a dimenticare alcune delle basi, ad esempio il body language e i tell. 

Si potrà pensare che i più forti al mondo non considerino nemmeno più certi discorsi, e invece ecco che nel poker live ai più alti livelli anche i maestri della tecnica pokeristica non dimenticano di osservare a fondo i propri avversari.

Intervistati dal canale YouTube di Paul Phua durante le Triton High Roller Series del 2017, Sam Trickett, Steve O’Dwyer e addirittura il drago dell’online Timofey ‘Trueteller’ Kuznetsov condividono il loro punto di vista sui tell.

 

Sam Trickett

Per un giocatore intermedio, come potevo essere io agli inizi, provo a pensare a quale messaggio l’avversario stia cercando di inviare. Ad esempio sono contro di lui al river e sto prendendo una decisione: cerco di capire che messaggio mi vuole trasmettere.

Sta cercando di apparire debole? Sono probabilmente più incline a pensare che sia forte, perché è difficile avere la sicurezza di apparire deboli quando si è deboli veramente. Sai, tipo doppio bluff. È più comune che la gente provi a comportarsi nel modo opposto a quello che sono realmente. 

Quindi osservo il mio avversario, qualunque cosa stia facendo: il modo in cui si muove, il modo in cui parla, come guardano i suoi occhi. Cerco di mettermi nei suoi panni.

Ci sono molte piccole cose. Molte volte quando parlano, o fanno qualche movimento, o trasmettono troppa agitazione, sono più inclini ad avere una mano perché quando bluffano non vogliono trasmettere troppo, e se si muovono o si agitano… diciamo che è più probabile che se bluffano stiano seduti fermi. 

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

 

Steve O’Dwyer

Per persone che sono agitate può essere complicato. Alcuni giocatori sono nervosi semplicemente perché stanno giocando high stakes, hanno molti pensieri in testa e sono sempre nervosi

Alcuni sono nervosi e agitati quando hanno una gran mano, altri sono nervosi e agitati quando bluffano e sono calmi con la mano forte. Quindi devi solo guardare la gente attivamente, e dopo molte, molte ore puoi dire “Ok, questo è il tipo di giocatore che è nervoso quando ha una buona mano / quando ha una pessima mano.”, perché spesso è una o l’altra. 

 

Timofey ‘Trueteller’ Kuznetsov

I tell che puoi spiegare facilmente vengono dagli amatori. I tell che un giocatore con esperienza può dare, vengono dall’essere un po’ noncuranti a volte.

Ad esempio non gli importa molto, non sono abbastanza concentrati e danno qualche informazione. È una cosa che succede, ma i migliori nella maggior parte dei casi non rilasciano molti grandi tell. 

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari