Friday, Jul. 30, 2021

Storie

Scritto da:

|

il 9 Mar 2012

|

 

Full Tilt Poker: un nuovo acquirente all’orizzonte?

Full Tilt Poker: un nuovo acquirente all’orizzonte?

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

Le voci su Full Tilt Poker continuano a inseguirsi: dopo le recenti scuse di Ray Bitar, nuovi rumors circolano sul futuro della red room.

Si parla, infatti, di un nuovo possibile acquirente interessato, però, soltanto al software di Full Tilt Poker.

Tutto dipende da come andrà a finire la trattativa con il Gruppo Bernard Tapie, l’unico che sembra veramente interessato (anche se Matt Glant afferma il contrario) ad acquisire il controllo di Full Tilt Poker.

Secondo il portale iGaming pare che il nuovo investitore sia di origine inglese e le rivelazioni arrivano da tre diverse fonti anonime, ma che sembrano molto affidabili: queste affermano che il nuovo acquirente stia aspettando soltanto gli sviluppi delle altre trattative.

Ma le intenzioni di questo anonimo investitore sono diverse da quelle di Tapie: l’obiettivo non è quello di riaprire Full Tilt Poker, ma di acquistare soltanto il software di gioco, comprendente anche il famoso Rush Poker, ad una cifra che può variare dai 30 ai 35 milioni di dollari.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Se tutto dovesse andare per il meglio, i soldi derivanti dall’acquisto del software dovrebbero finire in un conto bancario neutrale gestito dagli amministratori di FTP e servirebbero per ripagare i giocatori che sono al momento creditori.

Le fonti anonime, inoltre, aggiungono che l’imprenditore inglese voglia acquistare il database di tutti i giocatori iscritti su FTP, ma per il momento l’interesse è stato raffreddato da questioni giuridiche che hanno reso questo tentativo “non praticabile in questo momento”.

Secondo i rumors sembra anche che il software, dopo esser stato acquistato, possa essere immediatamente rivenduto ad altre poker room già esistenti e i nomi che circolano con prepotenza sono quelli di bwin.party e 888poker.

Per il momento nessuna delle due parti ha rilasciato dichiarazioni ufficiali: vedremo se queste voci si trasformeranno, nel giro di poco tempo, in fatti concreti.

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari