Wednesday, Oct. 16, 2019

Poker Online

Scritto da:

|

il 18 Apr 2014

|

 

Il profilo del ‘Reg Tard’ MTT secondo i Top Regular: “E’ un bersaglio perfetto!”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Il profilo del ‘Reg Tard’ MTT secondo i Top Regular: “E’ un bersaglio perfetto!”

Area

Vuoi approfondire?

Scuole, blog, streaming, libri. Il mondo del poker è in continua evoluzione e, specialmente per quanto concerne l’online, sono sempre di più i giocatori che si siedono al tavolo sapendo quello che fanno.

Il numero dei regular cresce mentre gli “amatori” sono sempre meno e pare sempre più dura chiudere il mese con un soddisfacente attivo. Come fare, dunque, per mantenere un buon profitto e continuare ad essere giocatori vincenti?

Una corrente di pensiero che ha recentemente trovato d’accordo diversi players sostiene che i nuovi bersagli da prendere di mira ai tavoli non siano più quei giocatori che giocano esclusivamente “for fun”, bensì quei regular che hanno ancora qualche leak e vengono per questo definiti in gergo “Reg Tard”.

Quest’oggi analizzeremo meglio questo genere di giocatori in ottica MTT. Abbiamo infatti chiesto a diversi top player quale sia il loro pensiero a riguardo e molti di questi sembrano concordare con questa teoria.

Alessandro “90giuda90” Borsa ci segnala qualche tipico errore da “Reg Tard”: Il suo range di resteal o push è solitamente sballato. I flatting range sono decisamente troppo aperti in rapporto ai bui che hanno, specialmente quando si tratta di chiamare per setmining. Altro errore classico è l’overvalue della propria mano. Solitamente si tratta di giocatori comunque piuttosto nitty, per questo li preferisco mille volte rispetto, ad esempio, ad un fish aggrospewer…”

Guido “POGGIAIOLO” Pieraccini è un altro grande esperto dei tornei multi tavolo: “Sicuramente possiamo fare profitto con entrambe le categorie: i fish sono sempre ben accetti, ma anche i reg tard vanno presi di mira. E’ difficile stilare un profilo generico di questo genere di giocatori: ognuno ha qualche leak diverso, ma ad aiutarci è proprio l’history che abbiamo contro di loro. Quando affrontiamo un amatore sappiamo che farà mosse insensate a prescindere, contro un reg tard dovremo essere bravi ad exploitarlo andandolo ad attaccare in quegli spot dove dimostra di avere ancora qualche limite.”

A darci un punto di vista leggermente diverso è Christian “ninetto1989” Nuvola: “Innanzitutto penso che il profitto lo si faccia ancora soprattutto contro i giocatori occasionali, visto che il discorso dei ‘reg tard’ è abbastanza complesso. Per come la vedo io, infatti, siamo tutti reg tard, semplicemente chi più, chi meno. La bravura è quella di saper sfruttare i leak di quei reg che palesano ancora qualche difficoltà. Vincenti lo si può essere sul field medio, ma costanti lo si diventa battendo chi incontri quotidianamente, sfruttando gli errori di chi conosci già. Ad ogni modo penso che quando hitti bene contro il giocatore occasionale puoi prendergli tutto lo stack mentre sul reg tard vinci spesso il piatto ma non sempre l’intera posta…

 

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari