Monday, Sep. 23, 2019

Strategia

Scritto da:

|

il 12 Ago 2015

|

 

Cash Game Analysis – Un hero fold di Claudio “Cla89xxx” Tomasi

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Cash Game Analysis – Un hero fold di Claudio “Cla89xxx” Tomasi

Area

Vuoi approfondire?

Torna la nostra rubrica “Cash Game Analysis” con una mano decisamente interessante giocata dal forte regular del nhl100 Claudio “Cla89xxx” Tomasi.

Lo spot è stato giocato qualche giorno fa ad un tavolo Zoom NL100 in cui Claudio è seduto con uno stack di 204bb.

A dare il via all’action è il cut off, un regular unknown dall’immagine aggressiva che tenta uno steal aprendo a 2.25€. Si gioca per uno stack effettivo di 137bb.

Dopo il fold del bottone e dello small blind il player veneto decide di flattare da big blind con 66.

Fin qui tutto normale, nonostante lo stack deep il call è sicuramente la scelta migliore.

Sul flop 8 2 6 Claudio opta per il check e “GrandeSilvio” va in continuation bet per 2.36€, leggermente meno della metà del piatto.

Entrambe le giocate al flop sono standard: la size di continuation bet su un board cosi dry è una buona scelta per poter cbettare un range largo, Claudio potrebbe saltuariamente decidere di check-raisare (specialmente giocando con uno stack leggermente deep) ma il call è certamente una move corretta considerando che il flop non presenta numerosi progetti.

Bisogna inoltre considerare che il cut off ha immagine aggressiva e tenderà spesso ad aggrare in posizione sulle street successive.

Il turn è un A, una carta favorevole per “GrandeSilvio” che nel range ha tutti gli AK, AQ e AA, mani che Claudio avrebbe quasi sempre 3bettato preflop.

Come previsto, dopo il check dell’avversario, il cut off decide di bettare 6.50€, circa il 65% del piatto.

Il player veneto opta nuovamente per il call, scegliendo anche in questo caso la linea probabilmente più corretta. Mani come AK e AQ continueranno infatti a puntare river e, un giocatore con tendenze aggressive, tenderà ad usare eccessivamente l’asso come scary card, rendendo profittevole lo slowplay.

Il river 9 è tutt’altro che una blank. Claudio chekka ancora e oppo punta 15€. Nel range di “GrandeSilvio” sono presenti 75s, T7s e 99 e tutte le combinazioni sono compatibili con l’action fatta. Nonostante questo, specialamente contro un giocatore aggressivo a cui piace anche herocallare, il raise pare obbligatorio.

“Cla89” decide di polarizzarsi e raisa x4 fino a 60€, sperando in un call di 22, A8, A9 e saltuariamente AK e AQ.

Succede però la cosa peggiore: “GrandeSilvio” decide di andare all in, aggiungendo 65€ in più e dando a Claudio delle ottime odds per fare quello che a questo punto sarebbe a tutti gli effetti un herocall.

Dopo qualche secondo Claudio decide però di foldare il suo set, non riuscendo a trovare abbastanza bluff nel range avversario per giustificare il call, dimostrando, a mio parere, ottima competenza tecnica e ottimo mindset.

E voi cosa ne pensate? Commentate sulla nostra pagina facebook!

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari