Wednesday, Oct. 21, 2020

Strategia

Scritto da:

|

il 13 Ago 2015

|

 

Epic fail o nice fold? Mette sotto le Donne su tre push, il board gli materializza un Poker!

Epic fail o nice fold? Mette sotto le Donne su tre push, il board gli materializza un Poker!

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

Sentiamo spesso parlare di edge da parte dei regular di tornei multitavolo.

E l’action della mano che andiamo a commentare oggi può tranquillamente rientrare in uno di quei fold fatti perché si pensa di essere più forti del field medio presente nel torneo.

Hero è schierato al torneo serale Knockout da 20 € della piattaforma PokerStars.it.

Si trova in Early stage e ha già portato il suo stack oltre i 4.000 gettoni.

Dopo il fold dell’utg apre in posizione di Utg + 1 fino a 200 (i bui sono 50/100 con un ante di 10) forte di QQ.

L’action che si scatena dopo l’apertura è di quelle che fanno rabbrividire.

Il giocatore immediatamente alla destra di hero, un player random, va all in per le sue ultime 816 chips.

E qui si scatenano anche gli altri giocatori al tavolo.

Da middle position un regular reshova per 2.230 gettoni e anche small blind decide di mandare all in per 3.890 chips totali, praticamente tutto lo stack di hero.

A questo punto l’original raiser pensa che almeno uno tra il regular in middle position e lo small blind possa avere una mano che domina le sue dame.

Dopo un po’ di tanking, vista l’edge che pensa di avere sul field di questo torneo, opta per il fold. Ma showdown e board sono dei più beffardi.

Se utg +2 come prevedibile ha fatto all in con un range molto ampio e nello specifico A4, il regular ha sì reshovato con una premium hand ma con quell’AK che gioca comunque al 45% contro la nostra coppia. Incredibile invece l’all in dello smal blind che si presenta allo showdown con T6!

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Il board lascia Hero a bocca aperta, visto che avrebbe settato al flop A7Q e addirittura chiuso quads al turn con la Q! Il river è un inutile 8 che consegna il piatto e una taglia al regular.

Abbiamo chiesto ad alcuni importanti torneisti italiani la loro opinione sulla scelta di hero di foldare.

E’ un epic fail o un fold che sul lungo periodo ci può stare?

Simone “ilcreativo” Raccis sembra dare ragione ad Hero: “Foldo per l’action strong del reg che mette 22 bui di resto su un push dopo l’apertura da utg. Il reg potrebbe avere AK e JJ come uniche mani con cui gioca abbastanza bene la nostra coppia di donne. Se fosse stato un fish probabilmente visto l’enorme side pot avrei considerato più volentieri l’ipotesi del call. Essendo poi una fase iniziale del torneo foldo più serenamente; discorso diverso probabilmente se ci fossimo trovati al tavolo finale. Ovviamente questo con le info assunte, cioè che il giocatore in middle position si tratti di un reg bravo. Qualora si trattasse di un giocatore molto aggressivo non passerei coppia di donne visto il valore aggiunto dato dalle taglie”

Dello stesso parere è il vincitore del WPT National Sanremo Denis Karakashi: “Se non ho info precise sullo small blind foldo. Però devo premettere che io non gioco i tornei knockout perchè non mi piacciono. Prendo tuttavia la mia decisione indipendentemente dal fatto che ci siano le taglie e foldo perchè il bottom range di uno dei due avversari dovrebbe essere Asso-Kappa e sicuramente il reg ha top range”.

Opinione contraria invece per Federico Piroddi, mai incline al fold: “Callo anche perchè ci sono le taglie. Non foldo anche se in realtà non penso di mettere le mie chips troppo bene nel mezzo visto che il reg o lo small blind potrebbero avere top range. Detto questo non foldo mai essendo un torneo knockout da 20 euro. In questo torneo è secondo me praticamente impossibile foldare QQ preflop”.

La spiegazione matematica del call ce la fornisce invece Andrea Andryguen Panarese: “Essendo un torneo con le taglie ogni bounty nel piatto è come se rappresentasse uno stack di partenza. Per cui quando andiamo a callare uno shove, giocando per chips EV esclusivamente, dobbiamo aggiungere il valore della taglia: in questo caso quando pensiamo di giocare contro lo stack del reg, che forse è quello che ci preoccupa di più, non giochiamo contro le sue 2.230 chips ma contro 5.230 chips cioè lo stack residuo più uno stack intero dato dalla taglia.

Per questo in puri termini di chips EV il call in questa situazione è fanta-positivo perché è come si ci fossero almeno. 7.500 chips in più nel piatto quindi noi dobbiamo aggiungere 3.800 circa in un piatto che è come se fosse di 15.000 gettoni. Dobbiamo quindi stare al 25% ma in realtà siamo quasi sempre a più del 30% anche ipotizzando range strettissimi dei nostri avversari.

La dead money data delle taglie sposta il valore atteso dei nostri call e ci fa fare positivo anche con range più wide.

Hero ha foldato e ci ha voluto solamente rivelare che coi cowboys avrebbe snappato e che comunque sul momento non ha tiltato perché in fondo la mano è arrivata in una parrocchia.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari