Monday, Nov. 18, 2019

Strategia

Scritto da:

|

il 4 Nov 2019

|

 

Daniel Negreanu folda scala contro Mikita Badziakouski: l’analisi di Chris Moorman

Daniel Negreanu folda scala contro Mikita Badziakouski: l’analisi di Chris Moorman

Area

Vuoi approfondire?

Un fold veramente pazzesco, quello di Daniel Negreanu al Super High Roller Bowl del maggio 2018.

Torneo che lo ha visto raggiungere il secondo posto dietro all’inarrestabile Justin Bonomo, per tre milioni di dollari tondi tondi, un risultato frutto di tante decisioni azzeccate, come quella che andremo a sviscerare quest’oggi grazie al prezioso contributo tecnico di Chris Moorman.

Il campione britannico infatti, ha analizzato il colpo nel corso di un video comparso su canale youtube di 888poker, strada per strada…

La mano del dettaglio

SITUAZIONE: Super High Roller Bowl da 300.000$ d’iscrizione – 4° livello di gioco, 34 player in corsa e blind 1K/2K, ante 2K.

PREFLOP: Apre Negreanu da UTG (7-handed) a 5.000 chip (stack 348K) con J 10, chiama Badziakouski alla sua sinistra con 9 9 (stack 108K) foldano gli altri giocatori.

FLOP: 8 6 7 Negreanu punta 5K, esattamente un terzo del piatto, Mikita rilancia a 16K, chiama Daniel.

TURN: 9 Check to check

RIVER: 8 (pot 47.000) Badziakouski overbetta 60.000 lasciandosi 32K dietro, Daniel entra in the tank e comincia a ragionare a voce alta lanciando un time bank dopo l’altro in mezzo al tavolo. Alla fine opta per il fold, che si rivelerà essere la scelta più corretta.

L’analisi di Chris Moorman

L’open è abbastanza standard specialmente con questa deepness, così come il flat di Badziakouski anche se qualche volta può anche decidere di 3-bettare. Il fold di tutti gli altri è comprensibile nonostante ci siano delle mani con buona equity: molti giocatori si butterebbero nella mischia ma sarebbe un errore e infatti nessuno partecipa al piatto.

La c-bet di Negreanu ci può stare ma non mi fa impazzire, anche perché Mikita non mollerà quasi mai il piatto in questo frangente e l’equity della nostra mano contro il suo range è abbastanza povera se consideriamo che facciamo foldare solo qualche raro A-J, o forse nemmeno quello. 

Al turn la situazione diventa davvero tricky, perché Mikita può legittimamente pensare di avere la mano migliore e provare ad estrarre valore, ma visto lo stack in gioco sarebbe pot committed nel caso in cui puntasse, quindi preferisce il check per rivalutare la situazione al river.

Il river che accoppia il board e da full house a Mikita è una carta potenzialmente terribile per Negreanu, che checka. Mikita opta per una overbet, 120% del pot, mettendo Daniel di fronte a una scelta davvero difficile. Sostanzialmente la scala di Daniel diventa nient’altro che un bluff catcher: cosa vuole dirci Mikita con questa size? Si sta davvero sbilanciando così tanto per far passare una mano da cui verrebbe battuto o sta provando a estrarre i massimi? 

Daniel alla fine sceglie di passare e si rivelerà la scelta corretta, ma credetemi che la mano sarebbe potuta andare diversamente e nessuno avrebbe potuto biasimarlo eccessivamente. Bravo Mikita ad aver messo Negreanu di fronte a una scelta davvero complicata.

La video-analisi di Moorman:

Se vi siete persi uno dei call più brutti nella carriera di Daniel Negreanu DATE UNO SGUARDO QUI

Photo Credits: Stefano Atzei

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari