Tuesday, May. 24, 2022

Storie

Scritto da:

|

il 16 Lug 2016

|

 

Antonio Merone cerca il salto di qualità sul dot com: “Il field e i palinsesti in Italia non aiutano a crescere!”

Antonio Merone cerca il salto di qualità sul dot com: “Il field e i palinsesti in Italia non aiutano a crescere!”

Area

Vuoi approfondire?

Assieme al gemello Lorenzo, Antonio Merone forma una coppia micidiale.

Da inizio 2014 i due, intercettati in tempi non sospetti nella nostra rubrica reg identikit, hanno continuato a furoreggiare, alzando sempre più l’asticella del profit.

Il primo a dare uno strappo decisivo al suo grafico è stato però proprio Antonio che pochi giorni fa ha sfondato il muro dei 100.000€ di vincite sul punto it, in appena 7.354 game, tenendo un ROI del 65%.

Una gran bella soddisfazione per un ragazzo che fino a 3 anni fa era semplicemente un dealer che giocava sit’n’go da 0.50€ e 1€ su PokerClub.

Oggi Antonio grinda regolarmente ad ABI 30€ e mostra fiero un grafico privo d’impennate significative:

“Fatta eccezione per due Night On Stars del lunedì da 9.000€, non ci sono veri e propri shot. La soddisfazione è dunque doppia. Ora però, penso sia giunto il momento di fare il ‘grande passo’ pokeristico. A settembre me ne andrò a Malta in compagnia di mio fratello e Luigi [D’Alterio, ndr.] per provare a cimentarmi nell’affascinante mondo del dot com. So che potrei essere esposto ad una varianza pesantissima, ma al momento sono davvero fiducioso. L’idea iniziale è quella di cercare qualcuno che possa stakarmi: l’umiltà prima di tutto. Qualora non trovassi nessuno disposto a darmi fiducia, incrocerò le dita e ci proverò da solo.”

graph

Il grafico Sharkscope overall di Antonio

Una scelta che per certi versi, a detta di “Tony91” è quasi necessaria:

“I palinsesti MTT in Italia sono sempre più scadenti, i player sempre gli stessi e i garantiti sensibilmente più bassi rispetto a un tempo. La situazione è stantia. Non c’è possibilità di migliorare e non provo più le stesse emozioni nel sedermi ai tavoli. Le skill del reg medio italiano si sono alzate, ma quelli che si distinguono dagli altri sono pochissimi. La maggior parte gioca ABC e non fa nulla per implementare il proprio arsenale tecnico.”

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Secondo Antonio, uno degli elementi a fare la differenza è la mentalità del grinder medio:

“Tanti reg, fatta esclusione per una ventina di loro che reputo di pari livello o superiore, quando arrivano al final table cercano semplicemente di sciacallare qualche scalino del count. Puntano più all’ITM che alla vittoria, anche se tutto dichiarano il contrario. Io non sono così. Se devo giocarmi una gira a 8 left, la gioco, a costo di arrivare ottavo. Spesso mi è andata male, ma preferisco fare 3 ottavi posti e un primo, piuttosto che quattro 5° posti. Da quello che mi hanno detto alcuni amici che giocano già sul dot com, lì il concetto di ‘andare ITM’ praticamente non esiste. Si punta sempre e solo ai massimi: per davvero!”

Antonio (a sinistra) con il gemello Lorenzo e Luigi 'Il-Giuglia' D'Alterio

Antonio (a sinistra) con il gemello Lorenzo e Luigi ‘Il-Giuglia’ D’Alterio

Passione, dedizione, applicazione e costanza. I segreti di Merone sono quelli che ogni giocatore professionista dovrebbe avere a disposizione:

“Io quando sono in sessione mi metto le cuffie, ascolto la musica e mi estraneo da tutto, concentrandomi esclusivamente sul gioco. Molti sono distratti dai social, da skype e da altro. Per quel che concerne il lato tecnico, ciò che mi ha fatto fare il salto di qualità è stata la combinata di sit’n’go e un po’ di cash game, che stanno alla base della mia formazione pokeristica. I primi m’insegnarono a capire bene i range di shove e reshove, il cash game, che gioco ancora oggi saltuariamente, mi ha aiutato tantissimo per quel che concerne il gioco post flop.”

Determinato come pochi altri, Antonio rivela dunque quello che sarà il suo plan una volta sbarcato nell’arcipelago a Sud della Sicilia:

“In settimana credo che giocherò quella fascia di tornei che va dagli 11$ fino ai 109$. La domenica, invece, rischierà di essere un vero bagno di sangue visto che l’idea è quella di prendere parte ai vari Major del palinsesto. Le possibilità che offre il dot com sono incredibili: in Italia ci sono 2-3 eventi ‘seri’ all’anno, lì quasi uno alla settimana. Good luck to me!”

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari