Wednesday, May. 12, 2021

Poker Online

Scritto da:

|

il 5 Feb 2014

|

 

In Gran Bretagna la collusion nel poker online potrà costare fino a dieci anni di carcere!

In Gran Bretagna la collusion nel poker online potrà costare fino a dieci anni di carcere!

Area

Vuoi approfondire?

In Gran Bretagna fanno sul serio. E’ notizia di questi giorni che Lord Moynihan (nella foto), attuale membro della House of Lords ed ex ministro dello sport, stia cercando di far approvare degli emendamenti sostanziali alla sezione 42 del ‘Gambling Act’ in vigore dal 2005, atti soprattutto a concedere maggiore potere alla polizia e ai tribunali per combattere le frodi in ambito sportivo, scommesse comprese, estendendo la potenziale pena dagli attuali due anni a dieci anni.

2701203040_5212928a84

The House of Lords

Non solo un problema italiano dunque: evidentemente anche nella ‘precisa’ Inghilterra c’è chi prova a fare il furbetto e se questi emendamenti, proposti dall’ex canottiere olimpico (argento a Mosca 1980), venissero definitivamente approvati, entrerebbero nel mirino anche i giocatori di poker online, quelli inclini alla collusion e che fanno del multi-accounting una pratica consolidata.

Avere due o più account o scambiarsi informazioni sulle carte che si hanno, con il preciso fine di ingannare gli ignari avversari per defraudarli economicamente, potrebbe diventare in Inghilterra, quindi, estremamente pericoloso a livello giudiziario: dieci anni di carcere farebbero perdere non poche sessioni di grinding, tanti soldi e comprometterebbero in modo definitivo la fedina penale.

Credete dunque che queste misure possano essere valide nel combattere le pratiche fraudolente attuate nel poker online?

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Sarebbe auspicabile che anche in Italia venissero almeno proposte leggi simili, al fine di non lasciare sole le poker room nel combattere questa difficile battaglia contro quei comportamenti deplorevoli che intaccano in modo subdolo il poker online.

La speranza è che gli emendamenti di Lord Moynihan diventino presto legge e che il modello britannico dunque, da sempre attento nel combattere la collusione sportiva, possa essere seguito da altri stati europei, compreso il nostro.

Con la prospettiva di mattine, pomeriggi e sere in una umida cella invece che a grindare, forse, i giocatori ci penserebbero due volte prima di aprire un nuovo account usando il documento della nonna novantenne…

 

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari