Saturday, Sep. 21, 2019

Storie

Scritto da:

|

il 15 Lug 2015

|

 

WSOP – Marco Bognanni rivela i primi retroscena sull’impresa di Butteroni: “Una chat whatsapp epica!”

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

WSOP – Marco Bognanni rivela i primi retroscena sull’impresa di Butteroni: “Una chat whatsapp epica!”

Area

Vuoi approfondire?

Primavera 2015, Rozvadov.

Marco Bognanni è stato invitato ad un torneo nella cittadina ceca.

Come lui, anche tanti altri giocatori più o meno blasonati hanno ricevuto la comunicazione di Fiodor, responsabile di una piattaforma punto it.

Tra questi c’è anche un certo Federico, ragazzo romano che viene sistemato in camera proprio con “magicbox”.

Da lì nasce un’amicizia che cresce pian piano e i due si ritrovano quest’estate al Rio di Las Vegas.

Federico piazza subito due risultati di rilievo, ma non manca mai di chiedere consigli al suo fidato compagno:

“Federico è una persona umilissima, sempre pronto ad ascoltare i consigli di tutti sugli spot più critici che affronta. Ad inizio Main event mi ha interpellato per chiedermi come la pensavo su alcune mani che aveva giocato. In diversi casi gli ho detto la mia, ma usando sempre la massima cautela; questo è un torneo unico e ci sono situazioni che vanno fuori dall’ordinario. Ho provato a suggerirgli alcuni accorgimenti tecnici, ma solo lui poteva fare le scelte giuste in certi momenti. E vi assicuro che aveva sempre in mente cosa fare e come farlo.”

Assieme ad altri compagni di ventura, tra cui il buon Riccardo Trevisani, Marco, Federico e lo stesso Fiodor creano un gruppo whatsapp che negli ultimi giorni diventa letteralmente infuocato: “magicbox” e altri sono ormai tornati in Italia, Fiodor è sulle tribune dell’Amazon Room a incitare Federico, aggiornando hand-for-hand i primi ‘fan’ di Butteroni:

“Ci saranno circa 300 audio vocali di Fiodor in cui ci racconta passo dopo passo tutto quello che stava succedendo: dalle urla per i raddoppi di Fede, agli aggiornamenti sugli altri player… un delirio! Io ho mantenuto sempre una chat privata con Federico per incoraggiarlo costantemente durante le pause: i consigli tecnici in momenti del genere lasciano il tempo che trovano!”

wahok

Bognanni ricorda gli spot più critici nei quali Butteroni ha chiesto sussidio:

“In zona bolla ha open-foldato 10-10 da utg con 30x: ha preferito non infilarsi in situazioni scomode che si sarebbero create qualora fosse stato tribettato da un big stack. Durante il day5 ha open-foldato Q-Q dopo una raise, tri-bet e cold-call. Ne abbiamo parlato serenamente, gli ho sempre offerto il mio punto di vista, facendogli capire che c’erano altre condotte possibili, ma ho comunque sempre sostenuto le sue scelte. In un 4-bettato giocato ieri, Federico ha 4-bettato Q-Q e checkato su J-10-9. Dopo il check avversario scende una blank e Fede check/calla la bet di oppo. River A, check-check e il suo avversario vince con A-J. Eccezioni a parte, molto spesso ho condiviso a pieno le sue scelte; nei casi in cui la pensavo diversamente ho preferito offrire solo un’altra via, ma a prescindere da tutto la tenuta mentale in un torneo del genere è decisiva e non volevo assolutamente condizionarlo!”

Ad ogni modo Bognanni sottolinea che lo scambio tra lui e Federico è stato reciproco:

“Lui mi reputa più esperto in MTT ed era interessato a capire come la pensavo, ma anche io ho chiesto il suo consulto in certe occasioni, specialmente per qualche mano cash particolare. In ogni caso sono davvero felicissimo per lui. Federico è davvero un ragazzo d’oro e ho tifato in maniera genuina come poche altre volte. In tanti si sarebbero già montati la testa, lui non lo farà né oggi né dovesse vincere. In questi mesi avrà tutto il tempo per prepararsi al meglio e a novembre spero di poterlo seguire direttamente dal Penn&Teller theater del Rio…”

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari