Friday, Dec. 13, 2019

Storie

Scritto da:

|

il 2 Set 2015

|

 

Patrik Antonius abbandona gli High Stakes Online: “Chi usa software ha troppi vantaggi, giocherò solo Mixed Game e live”

Patrik Antonius abbandona gli High Stakes Online: “Chi usa software ha troppi vantaggi, giocherò solo Mixed Game e live”

Area

Vuoi approfondire?

I tavoli nosebleed, l’elite del cash game online.

Visto il field praticamente impossibile da battere, i giocatori che riescono a prendere parte a quelle partite si contano sulle dita di una mano, e questo numero con il passare del tempo sta calando sempre di più.

Dopo l’addio di Gus Hansen e Tom Dwan che fa solo qualche rara comparsata, recentemente un altro dei grandi nomi della scena è stato cancellato dalla lista: stiamo parlando di Patrik Antonius, il più vincente giocatore cash game online della storia.

Il professionista, famoso per aver generato i piatti più grandi della storia, sembra essere arrivato al punto di dover abbandonare i tavoli che gli hanno donato tante gioie in passato, e la causa secondo un’intervista al portale PokerListings.com sarebbero i software di tracking.

“È un po’ triste, ma sembra che la tecnologia nel poker online sia cresciuta abbastanza da renderlo un gioco completamente differente. I giocatori di oggi usano software che che forniscono così tanti dati ed informazioni che è diventato un gioco basato solo sui numeri. Io non ho mai usato nessuno di questi programmi, non ho mai utilizzato la tecnologia per guadagnare edge. Sono più il tipo di giocatore che va a sensazioni, vivendo l’attimo. Ma i player di oggi sanno quello che fanno. Basano il loro gioco su quello che il software comunica, e così sembra di giocare contro un computer. Senza usare software adatti il gioco non è più pulito.”

Con una comprensibile amarezza, una delle colonne portanti del panorama del poker annuncia il suo ritiro dal PLO e dal NLHE, ammettendo di non essere in grado di battere i ring games contro chi usa i software ausiliari. La decisione è stata presa dopo aver perso un milione di dollari senza un cenno di rimonta.

Tuttavia Patrik non appenderà completamente le carte al chiodo:

“In ogni caso amo ancora giocare i mixed game, anche se immagino che qualcuno stia già lavorando a qualche software per Stud o 2-7 Triple Draw… Poi nel poker live non ho alcun problema. In fondo ho sempre preferito il live, l’online era semplicemente più accessibile. Negli ultimi tempi mi sono tenuto lontano dal live perché i big games a cui partecipavo erano praticamente estinti: a Macao le partite stanno diventando mano a mano più private, a Vegas le partite non sono più come quelle di anni fa, e all’improvviso è sparito il gioco a Londra e a Monaco. Semplicemente le cose cambiano nel nostro mondo, quindi ho fatto un passo indietro e ho chiuso col poker. Questo tuttavia non è stato un gran male, ne ho approfittato per stare con la mia famiglia, rimettermi in forma e sistemare qualche problema di salute.”

Per i fan di Antonius quindi non è il caso di preoccuparsi troppo, il finlandese non sparirà completamente dalla scena: dopo il 71° posto al Main Event EPT Barcellona Patrik ha dichiarato che prenderà parte al prossimo EPT di Malta e che continuerà a girare il mondo cercando buone partite.

Inoltre ha anticipato di avere in mente qualche progetto -del quale non ha voluto fornire dettagli- con il proprietario del King Casino di Rozvadov, Leon Tsoukernik, anche se per ora non c’è niente di ufficiale.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari