Tuesday, May. 24, 2022

Poker Online

Scritto da:

|

il 2 Feb 2016

|

 

Clamorosa notizia per il poker online: David Baazov vuole comprarsi l’intera compagnia Amaya

Clamorosa notizia per il poker online: David Baazov vuole comprarsi l’intera compagnia Amaya

Area

Vuoi approfondire?

Argomenti correlati

In queste ore una clamorosa notizia sta sconquassando il mondo del poker online. La compagnia Amaya, che controlla il 70% del mercato grazie a PokerStars e Full Tilt, ha confermato di aver ricevuto una proposta dal suo stesso CEO David Baazov, il quale vuole comprarsi tutta l’azienda in cash.

Avete capito bene. David Baazov vuole praticamente diventare il padrone incontrastato del poker online. L’amministratore delegato di Amaya a quanto pare non si accontenta del suo ruolo chiave nella compagnia che controlla circa il 70% del mercato mondiale. È disposto a sborsare subito la somma necessaria per comprare tutta l’azienda.

Lo ha confermato la stessa Amaya con un comunicato ufficiale. Baazov vorrebbe concludere l’acquisto pagando per la precisione 21 dollari canadesi (ovvero 15 dollari americani) ad azione. Già adesso Baazov detiene il 18,6% delle azioni, che secondo la sua stima valgono circa 500 milioni di dollari canadesi. Per aggiudicarsi il 100% di Amaya dovrebbe sganciare una somma miliardaria, a dieci cifre…

Beato lui che può permetterselo! Ma a parte questa banale considerazione, cerchiamo di capire meglio cosa significa tutto questo per il nostro mercato. Ricordiamo che Amaya nel 2014 ha di fatto comprato PokerStars e Full Tilt dal Rational Group Isai e Mark Scheinberg. Per il momento non ci sono molti altri dettagli disponibili, ci sono solamente ragionamenti e ipotesi da fare. C’è chi, come Alex Dreyfus, scrive apertamente che l’aquisto di Amaya da parte di Baazov sarebbe una buona cosa per il poker.

 

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Alex Dreyfus

 

In un articolo pubblicato oggi Dreyfus spiega il suo punto di vista: “Perché è una buona notizia per l’industria del poker? Perché la compagnia dal 2014 ad oggi ha dovuto concentrarsi sul pagamento dei debiti e non sulla sua crescita, per accontentare gli azionisti. Ora la priorità potrebbe cambiare. Se non si rischia non c’è profitto“. Dreyfus fa i complimenti a Baazov e precisa: “Non voglio acquistare quote di Amaya, questa è solo una mia personale opinione“.

Ci auguriamo che Dreyfus abbia ragione. Speriamo che una eventuale acquisizione da parte di Baazov di tutta Amaya porti qualcosa di positivo nel poker online. Da un punto di vista molto ignorante in materia, si potrebbe contrariamente pensare che mettere nelle mani di una sola persona l’intero mercato sia una pessima idea. Amaya praticamente è già una azienda ‘monopolista’, che può succedere se avesse anche un unico azionista? Continueremo ovviamente a seguire la vicenda.

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari