Sunday, Jun. 23, 2024

Poker Live

Scritto da:

|

il 12 Nov 2016

|

 

EPT Malta Main Event – L’analisi dello splendido bluff catch che ha regalato il titolo ad Aliaksei Boika

EPT Malta Main Event – L’analisi dello splendido bluff catch che ha regalato il titolo ad Aliaksei Boika

Area

Vuoi approfondire?

L’heads-up finale dell’EPT di Malta, penultimo appuntamento con il circuito continentale live di PokerStars, è stato deciso da una chiamata spettacolare: Aliaksei Boika ha infatti deciso di bluff catchare il suo avversario, Mats Karlsson, con A high.

Se pensiamo che in ballo c’erano oltre 100.000€, il call è davvero di quelli da ricordare.

Solamente Steve O’Dwyer – andando a memoria – fu in grado di chiudere una contesa in maniera simile, ‘sceriffando’ Roger Sippl nel testa a testa del final Table PCA Super High roller. In quella circostanza, però, il board ‘pairato’ diede una grossa mano a Steve. In questo caso, Boika ha deciso di callare con A-J su una texture che recitava 2Q8 K 7 !

Andiamo a rivedere lo spot con la nostra grafica:

mafine

La tribet preflop è già una delle chiavi di questo spot. Post flop Boika potrà infatti permettersi di rappresentare un range di partenza più strong di quello del suo avversario. Assi e Kappa sono teoricamente molto più presenti nel suo range…

Il flat di Karlsson non ci dà indicazioni: avendo lo svedese circa 40x possiamo presumere abbia qualche mano con una discreta bard equity. Da escludere, tendenzialmente, le monster.

Al flop Boika decide di checkare, conscio di avere comunque un qual certo valore. Karlsson punta e Boika chiama. Il range di Karlsson è composto da tutti i flush draw, qualche Q-x, qualche pocket pair e ovviamente 2-2, 8-8. Più air. Callando oop Boika ‘dichiara’ di avere valore: pocket pair (da 9-9 a J-J, raro Q-Q). A-K, A-J, A-T. Quasi mai overpair, qualche volta Q-x con cui ha scelto d’indurre oppo al bluff.

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Turn: K.

Boika checka nuovamente e Karlsson fa altrettanto. Questo è un altro snodo cruciale della mano. Checkbackando Karlsson rivela di non avere set (ne 2 pair). Potrebbe ancora avere qualche Q, che checka intimorita dal K, o qualche pocket pair. Altre volte avrà flush draw che prova a prendersi il river gratis. Altre ancora air…

Il river è un 7, carta che migliori solo dei potenziali/remoti 7-8, 7-7 di Karlsson.

Boika checka nuovamente e Karlsson va all-in, overbettando 2.550.000 su pot da 2.350.000. Aliaksei ci pensa oltre 5 minuti.

Proviamo ad entrare nella sua testa. “Mmmmhhh… Che sta facendo questo? Davvero mi sta shovando la Q depolarizzato? No, dai, non è capace… Io potrei avere dei K nel range. Davvero ha giocato così set/2 pair? No, dai! Questo o ha 7-8, 7-7 random o busted flush! Possibile me lo stia facendo con air? Ma sì, dai, probabilmente penserà che è l’unico modo per vincere il piatto! Oddio e se mi giro un 8 a caso turnato in bluff? Impazzisco… Allora, riflettiamo: la Q no, set no, doppia no. Veramente ha preso il K turn? Betta flop e lo checka turn? Fantascienza dai. Mi sa che qua son buono almeno 3-4 volte su 5. Andiamo a prenderci il trofeo con la stellina sul petto: call!”

Nell’ipotetico ragionamento di Boika – magari ha pensato tutt’altro! – potrebbe inoltre esser stato decisivo qualche tell rivelato da Karlsson, che durante il tanking del suo avversario inizia a parlare: “Dopo questa mano abbiamo una pausa di 15 minuti“. Frasi random e qualche espressione strana.

Boika fa 1+1 e opta per il call, smascherando il bluff avversario e assicurandosi trofeo e 355.000€ di prima moneta: nice hand!

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari