Tuesday, Jun. 15, 2021

Strategia

Scritto da:

|

il 19 Mag 2021

|

 

Phil Hellmuth e l’arte di foldare full in heads-up

Phil Hellmuth e l’arte di foldare full in heads-up

Area

Vuoi approfondire?

Il poker alla texana si distingue da altri giochi per l’esistenza dei cooler, incroci di punti forti che inevitabilmente portano a giocare per tutto lo stack.

“Se ha meglio è sempre cooler!”… Quante volte avete sentito questa frase? In realtà nel poker le parole ‘mai’ e ‘sempre’ non dovrebbero esistere e i cooler dovrebbero sempre essere circostanziati. Solo così quelli che a prima vista sembravano dei cooler possono essere inquadrati nella giusta ottica.

Perchè “Non è tutto cooler quel che luccica”, si potrebbe dire parafrasando l’adagio popolare sull’oro: ce ne ha dato un esempio Phil Hellmuth nel secondo round della sfida heads-up contro Daniel Negreanu in cui ha messo sotto un full house. Un punto che nelle partite testa a testa di solito porterebbe a mettere tutto il proprio stack in mezzo al tavolo. Vediamo meglio.

 

La mano

Il secondo round della sfida heads-up è in corso da circa tre ore e mezzo, su blinds 800-1600 Negreanu ha 115.000 chips contro le 85.000 del rivale.

Proprio il canadese apre 3.500 da bottone, Hellmuth spilla 22 e difende il buio.

Flop 444, Hellmuth checka in the dark, Negreanu punta 15.000, Hellmuth call.

Turn Q nuovo check per Hellmuth, Negreanu bet 22.000, call.

River 5 check, Negreanu 40k, Hellmuth folda full!

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Che carte aveva Daniel Negreanu

Con il canadese aveva chiuso quads!

 

 

Un cooler schivato

Tra i tanti appellativi di cui è stato investito Phil Hellmuth nel tempo resta memorabile quello affibbiatogli dopo il Main Event WSOP 2009 in cui mise sotto un AK: “PH can dodge bullets!” (Phil Hellmuth può schivare gli assi).

Ora sappiamo che Phil Hellmuth è in grado anche di schivare i cooler. Normalmente, infatti, nelle partite testa a testa il full house è un punto abbastanza forte da non far prendere in considerazione il fold.

Forse agli occhi di ‘Poker Brat’ è risultata sospetta la terza bet di Negreanu. Se il canadese fosse andato all-in probabilmente il fold sarebbe stato più difficile per Hellmuth, che ha invece visto nella bet del canadese il tentativo di massimizzare il suo valore.

Se Hellmuth avesse chiamato avrebbe muckato il suo full house restando con circa 8 mila chips, vale a dire sei bui. La rimonta sarebbe stata davvero ardua a quel punto. Trovando questo fold invece Phil è rimasto in carreggiata e poco dopo questa mano è riuscito prima a colpire il rivale e poi ad affondarlo nel giro di pochi minuti.

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari