Tuesday, May. 24, 2022

Strategia

Scritto da:

|

il 29 Set 2017

|

 

Le cold 4-bet nel cash game: le indicazioni di Francesco ‘IwasZiopippo’ Elefante

Le cold 4-bet nel cash game: le indicazioni di Francesco ‘IwasZiopippo’ Elefante

Area

Vuoi approfondire?

Non è facile perfezionare la propria strategia in game al fine di diventare un giocatore vincente. Nel poker ci sono però alcune ‘mosse’, relativamente semplici da eseguire, che possono produrre ottimi risultati semplicemente discostandosi dalla “linea comune”.

Oggi parleremo della cold 4-bet, una delle action più forti che un player possa sfoderare ad un tavolo di Texas Hold’em.

Per “cold 4-bet” si intende una 4bet eseguita senza aver messo soldi nel pot fino a quel momento. Le situazioni più ricorrenti in cui è possibile vedere questa azione sono: open da parte di un giocatore su early position, 3bet da CO e cold4bet di BTN; oppure, open di BTN, 3bet da SB e cold4bet di BB.

Utilizzata in bluff o per valore, la cold 4-bet sarà spesso la causa del fold dei vostri avversari: non avendo precedentemente investito soldi, questa move farà pensare subito ad un range davvero forte composto in gran parte da premium hands.

Ovviamente, è necessario prestare sempre attenzione all’aspetto monetario in relazione ai player che stiamo affrontando: parliamo di un investimento importante in termini di big blinds (almeno 20) che deve essere bilanciato e profittevole; valutate sempre bene il livello di preparazione degli avversari!

Quindi, come utilizzare al meglio la cold4bet? Francesco “IwasZiopippo” Elefante, player molto conosciuto sia live che online e forte specialista cash game, ci ha spiegato così il suo punto di vista:

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

“Nel poker, in generale, che si parli di un flat, di una 3bet o, come in questo caso, di una cold 4-bet le prime due cose da tenere d’occhio sono la posizione e il numero effettivo di blinds coinvolti nel colpo; ancora meglio se abbiamo info sugli altri due player interessati allo spot. Altro fattore molto importante e spesso definito male è quello legato ai blocker; questi sono fondamentali in tutti gli spot possibili, soprattutto se ci troviamo in situazioni deep”.

‘Ziopippo’ porta un esempio concreto per dettagliare il discorso dei blocker:

“Ipotizziamo una dinamica in cui or è CO, c’è una 3bet da parte di BTN, noi fuori posizione da BB cold 4-bettiamo QJs e riceviamo il call del 3bettor. Su un board che recita 333 5 6 senza flush chiusi abbiamo la migliore combo da 3barrelare in bluff in uno spot deep, poiché il nostro obiettivo è quello di far foldare QQ e JJ e NON AA e KK che non passeranno mai! Le situazioni cambieranno da player a player e con queste cambieranno anche i blocker migliori; il flow della partita inciderà molto, ma non sempre i migliori blocker da utilizzare per un bluff sono gli Assi e i Kappa.”

Francesco continua raccontando il thinking process di uno spot vinto a Nova Gorica, dove una cold4bet gli ha permesso di giocare un colpo importante in heads up contro un player ricreativo:

“Era una partita €5/€10 con straddle a €20, al tavolo con me c’era un fish straniero molto aggressivo che non foldava mai. Avevamo tutti stack profondi 5k e solo lui aveva davanti 20k; nessun regular cercava di sfidarlo anche per salvaguardare la longevità della partita. La mano è andata così: apre un reg da MP che viene subito 3bettato da un altro reg e questo fish coldcalla da CO; io ho AsKh da BTN e decido di cold 4-bettare, tenendo conto del fatto che spesso i reg a questi tavoli hanno approcci passivi e tendono a trappare il loro top range. Foldano tutti tranne il fish. Il flop è A46, tutto a cuori! Su questo board davvero buono per me, il mio obiettivo è prendere i massimi ovviamente; cosa molto difficile contro giocatori sensati, ma con lui è tutt’altra storia. Decido di cbettare un quarto del piatto per fargli inventare qualcosa ma lui calla solamente. Sul turn scende un 4 che paira il board, io faccio di nuovo un quarto pot dopo il suo check e arriva, come mi aspettavo, un raise enorme. Faccio solo call non dovendo proteggere la mia mano. Al river casca un K che mi regala una doppia, quasi inutile, e oppo pusha! Io faccio subito call e il fish gira AQs di colore nero. Credo che non sapesse nemmeno lui cosa stesse facendo di preciso. In ogni caso ricordo benissimo questo spot da 10k, forse ha cercato di trasformare in bluff la sua mano, chissà!”

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari