Thursday, Aug. 22, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 29 Mag 2017

|

 

Super High Roller Bowl 2017 – Byron Kaverman brilla nel Day 1 davanti a Tsoukernik e Holz

Ricevi tutti i nostri articoli via email, inserisci qui

Autorizzo, ai sensi del d.lgs. 196/2003 s.m.i., l’utilizzo dei miei dati personali, anche per conto di terzi, per finalità promozionali e di marketing. Leggi l'Informativa sulla Privacy.

AutorizzoNon Autorizzo

Super High Roller Bowl 2017 – Byron Kaverman brilla nel Day 1 davanti a Tsoukernik e Holz

Area

Vuoi approfondire?

È iniziato all’Aria di Las Vegas il Super High Roller Bowl da 300mila dollari di buy-in!

Questa notte si è consumato il Day 1 di questo torneone con il cap fissato a 56 entries e una struttura piuttosto particolare….

Tutti iniziavano con 300.000 chips di partenza e hanno dovuto subito fare i conti con delle ante molto importanti (pari al big blind!).

Dopo sette livelli di gioco i titoli se li prende l’americano Byron Kaverman, che è stato capace di imbustare 1.247.000 gettoni in mezzo ad un field mostruoso.

Kaverman è riuscito a vincere un paio di spot importanti. In particolare il suo rush è iniziato grazie a un colpo con gli assi. Ha aperto lui preflop, limitandosi però a chiamare una 3bet di Cary Katz e floppando poi full (grazie a un flop A-K-K). Ecco la mano in grafica:

 

 

Più tardi l’incontenibile Kaverman ha sfruttato una scala contro Igor Kurganov, che nulla ha potuto con doppia coppia. Kaverman con J-9 ha pushato al river su un board A-7-8-Q-10 e Kurganov ha chiamato con A-Q, trovando l’eliminazione precoce.

Alle spalle dello statunitense ci sono altri nomi noti. Al secondo posto provvisorio c’è infatti il ceco Leon Tsoukernik, boss del King’s di Rozvadov, con 912.000 di stack.

Al terzo posto troviamo il tedesco Fedor Holz con 803.000 pezzi. Ogni volta che il ‘pensionato’ Holz si schiera riesce sempre a farsi valere… È riuscito anche a far fuori John Juanda chiudendo un provvidenziale draw contro doppia.

Al sesto posto momentaneo non possiamo non notare il nome di Justin Bonomo, che la scorsa settimana ha già shippato due eventi dell’Aria!

Bonomo prima ha vinto 138.000$ in un appuntamento da 10k di buy-in, poi si è ripetuto intascando 779.520 in un Super High Roller da 50k di buy-in! È davvero lanciatissimo…

In top ten c’è anche Rainer Kempe con 517.000 imbustati. Ricordiamo che Kempe è stato il vincitore del Super HR Bowl nel 2016, quindi è il campione in carica e vuole seriamente riconfermarsi!

Lo scorso anno Kempe vinse 5 milioni di dollari. In questa edizione invece il primo premio ammonta addirittura a 6 milioni di dollari. Saranno sette i giocatori premiati in tutto. Il premio minimo è ancora di 600mila dollari.

 

La top ten del Day 1
Byron Kaverman (US) 1,247,000
Leon Tsoukernik (CZ) 912,000
Fedor Holz (DE) 803,000
Cary Katz (US) 677,000
Jake Schindler (US) 648,500
Justin Bonomo (US) 620,500
Jason Mercier (US) 605,000
Nick Petrangelo (US) 592,500
Andrew Lichtenberger (US) 585,000
Rainer Kempe (DE) 517,000

 

Il payout
1° place – $6,000,000
2° place – $3,600,000
3° place – $2,400,000
4° place – $1,800,000
5° place – $1,400,000
6° place – $1,000,000
7° place – $600,000

 

Volete qualche altro dettaglio? Beh, sappiate per esempio che l’attore comico Kevin Hart (ambasciatore di PokerStars e ultimo partecipante annunciato nel field) è in gioco con 298.500 e ha fatto fuori Phil Hellmuth!

Su un board Q-8-3-10 è arrivato il push di Hart con Q-Q in mano e Hellmuth ha dovuto chiamare con 3-3. Un 10 al river ha estromesso il recordman di braccialetti WSOP

In tutto sono stati bustati 12 giocatori nel Day 1. Tra di essi figurano purtroppo Erik Seidel (uscito con A-10 contro K-K di Katz), Ben Sulsky (2-2 vs K-6s di Einhorn), Ben Tollerene e Haralabos Voulgaris. È stato fatto fuori anche un businessman che è voluto restare anonimo ed era indicato solo con le iniziali: G e I.

I 44 superstiti si ritroveranno alle 13:00 locali per il Day 2. Il più short è Sean Winter con appena 50mila chips imbustate (un sesto dello starting stack).

La media è di 381.818 chips. Potremmo citare tra i sopravvissuti pure Nitsche (513.000), Robl (406.000), Rast (375.500), Peters (342.000), Negreanu (327.500), Polk (243.500), Drinan (161.500), Esfandiari (151.500), Marchese (59.000) e molti altri big…

Insomma, non ci si annoia mica a Las Vegas in attesa delle imminenti World Series!

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari