Tuesday, Nov. 30, 2021

Poker Live

Scritto da:

|

il 11 Ott 2013

|

 

A cosa rinuncerebbero i poker Pro per una picca EPT?

A cosa rinuncerebbero i poker Pro per una picca EPT?

Area

E’ di ieri la notizia della picca Ept vinta dal ventiquattrenne Davide Suriano nell’evento heads-up della tappa di Londra.

L’affermazione del giocatore di Andria ha sollevato una vera e propria ondata di complimenti nella comunità pokeristica italiana, facendo capire come la picca Ept sia un trofeo davvero ambito, sia da parte dei professionisti che da quella dei semplici amatori.

Ci siamo chiesti, dunque, a cosa sarebbero disposti a rinunciare i professional poker player pur di poter esporre il trofeo in bacheca.

Ecco le risposte che, tra il serio e il faceto, abbiamo ricevuto dai diretti interessati.

Luca Moschitta: “Dopo la picca IPT, l’EPT è uno dei trofei che voglio assolutamente vincere nel futuro. Diciamo che per uno shippo all’European Poker Tour rinuncerei volentieri a vincere tornei in Italia per qualche annetto.”

Sergio Castelluccio: “Rinuncerei a 5.300 euro, mi pare il prezzo giusto!”

Massimo ‘Maxshark’ Mosele: “Se vincessi una picca al main event Ept sarei contento e starei muto anche se poi mi sculassero per tre anni di fila. Conosco il gioco e la varianza cui sono soggetti gli mtt, so che per compensare almeno parzialmente la ‘God-run’ necessaria a vincere un main EPT ci stia poi non andare a premio per una lunga striscia di tornei.”

Comparatore Bonus

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui siti degli operatori italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e gli operatori sono mostrati in ordine casuale.

Giada Fang: “Se vinco un Ept, invece della moto, vado in giro in bici: al diavolo la pigrizia!”

Alessandro ‘Bubukonan’ Fasolis: “Rinuncerei a grindare per ben sei mesi… dopo una vittoria così me ne starei in vacanza!”

Emiliano ‘laurarossi90’ Conti: “Per vincere una picca al main Ept smetterei di mangiare pesce per un anno, e per me sarebbe davvero un grande sacrificio visto che ne vado pazzo…”

Alberto ‘Bebo’ Palchetti: “Per una picca EPT potrei rinunciare alle 2 settimane di Las Vegas a giugno che per me sono intoccabili. Sicuramente non darei la vita per la picca, vivo bene anche senza visto che non ha particolari sogni di gloria… ormai pokeristicamente parlando sto diventando vecchio, grindo solo per soldi.”

Enrico Mosca: “La picca e’ un punto d’arrivo importante per un giocatore di poker, come il braccialetto Wsop o il titolo Wpt, ma non rinuncerei a nulla d’importante pur di averla: se dovessi prendere il “pacchetto”, lo vorrei quantomeno completo!”

Articoli correlati

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari