Wednesday, Nov. 20, 2019

Poker Live

Scritto da:

|

il 14 Lug 2015

|

 

Negreanu a sinistra, il chipleader del tavolo a destra: gli avversari di Butteroni al Day7 del Main WSOP

Negreanu a sinistra, il chipleader del tavolo a destra: gli avversari di Butteroni al Day7 del Main WSOP

Area

Vuoi approfondire?

Ventisette player left al Main Event, solo due tavoli di distanza dai November Nine. E Federico Butteroni c’è.

Questa volta però il romano non ripartirà da un tavolo fortunato come quello di ieri, anzi si trova proprio in mezzo a due fuochi: Daniel Negreanu all’immediata destra e il chipleader del tavolo all’immediata sinistra.

Complessivamente però il tavolo non ha molti big-stack, e Butteroni partirà in vantaggio di chips su molti giocatori short, che sono seduti tutti al lato opposto del tavolo e probabilmente si elimineranno a vicenda se qualcuno più ricco non giocherà d’anticipo.

Ma scendiamo nel dettaglio ed andiamo a vedere da chi è composto il tavolo:

tavolo butteroni 27 left

Seat 1 – Blake BOHN (USA) – 5.000.000

Blake Bohn non è uno degli avversari più semplici che potevano capitare al tavolo.

L’americano può vantare quasi due milioni di dollari vinti in carriera, in cui spiccano come risultati di maggior successo i $288.871 vinti con un primo posto al Chicago Poker Classic del 2013 da $3.200, un runner-up al $1.500 NLHE delle WSOP 2013 da $281.049 e un 15° posto all’High Roller for One Drop del 2013 in cui ha vinto $208.968.

Nonostante sia pari stack del nostro Federico, Bohn resta un avversario minaccioso, molto confident e sicuro di sé come si può vedere dalla sua recente intervista per bluff.com:

“Le deep run passate mi hanno rinforzato. Dopo Daniel (Negreanu) sono quello con la maggior esperienza nelle fasi finali dei tornei. Non ho paura di perdere, non ho paura di vincere e farò tutto ciò che serve per arrivare in cima”

 

Seat 2 – Justin SCHWARTZ (USA) – 7.510.000

Justin ha collezionato $681.814 in vincite live, inclusi quattro ITM in questa quarantaseiesima edizione delle World Series Of Poker.

Ma Schwartz è noto soprattutto per i suoi risultati online e per la sua costante presenza nei forum ed in ogni ambiente che riguardi il poker. Famose sono le sue litigate con Negreanu, dovute soprattutto alla discordanza di idee tra “Vecchia scuola” e “Ragazzini dell’online“.

Anche se non si riescono a trovare informazioni sulle vincite online di Schwartz si presuppone che non siano poche, dato il rispetto nei suoi confronti nutrito da tutta la community. Ma chissà, forse come spesso accade a chi viene dall’online anche Justin soffrirà di qualche leak nel gioco live, ad esempio qualche tell…

Seat 3 – Daniel NEGREANU (Ca) – 8.495.000

Beh, Daniel Negreanu non è un giocatore che ha bisogno di presentazioni, e se fosse necessario darne probabilmente non basterebbe un articolo intero.

Per fare un riassunto, Daniel Negreanu è attualmente in cima alla All Time Money List con $30.095.734 di vincite in carriera, ben 40 primi posti registrati su Hendonmob, detentore di sei braccialetti WSOP, da molti considerato il miglior giocatore al mondo e autore o collaboratore di alcuni tra i più acquistati libri sulla strategia del poker.

Non sarà facile avere a che fare con uno dei più forti e carismatici giocatori di tutti i tempi… L’unico vantaggio che il nostro Federico Butteroni avrà è quello posizionale, dato che il canadese è seduto alla sua immediata sinistra.

Speriamo che Daniel -anche se non è il tipo- si concentri più negli scontri contro Schwartz con il quale non è in ottimi rapporti, e che Butteroni sappia come affrontare la strategia smallball amata da Kid Poker.

1921

 

Seat 4 – Federico BUTTERONI (It) – 4.980.000

L’azzurro comincerà la giornata di gara con uno stack da poco più di 40bb, anche se dopo soli 40 minuti di gioco il livello già si alzerà.

Questa volta il draw non è fortunatissimo, avendo uno dei migliori giocatori al mondo alla sinistra ed un monster-stack da più di 95bb all’immediata destra, ma mantenendo la giusta concentrazione e sfruttando i quasi 5 milioni di chips davanti, Federico potrà mettere comunque pressione al tavolo, che potrebbe sottovalutarlo per la nazionalità italiana (alcuni ancora cadono in questo tranello) e per i pochi risultati trackati da Hendonmob.

Seat 5 – David STEFANSKI (USA) – 11.485.000

Stefanski è attualmente sesto nel chipcount ma chipleader del tavolo, il che è uno svantaggio per Federico, che avrà alla sua sinistra un giocatore che probabilmente cercherà di prendere il controllo della situazione, ma dietro a questo si nasconde la buona notizia di non dover affrontare altri monster-stack oltre a questo.

Hendonmob riporta $703.902 di vittorie conseguite soprattutto in tornei minori, ma Stefanski a giudicare dal suo account Twitter sembra molto fiducioso ed ottimista per l’immediato futuro…

(Ci sono due tipi di persone al mondo: quelli che sono al Main Event e quelli che non ci sono) 

Seat 6 – Thomas CANNULI (USA) – 6.220.000

A giudicare da Hendonmob, che registra $33.829 di vittorie, si direbbe che Cannuli non è un giocatore di cui preoccuparsi, ma a quanto sembra invece Cannuli è uno dei più rispettati cash-gamer del Borgata e regular dell’online, le due discipline a cui si dedica trascurando gli MTT live.

Thomas appare molto rilassato e sicuro di sé, ma sotto sotto le emozioni di essere a sole 26 persone di distanza dal braccialetto si fanno sentire

Sono davvero calmo e non mi sento affatto nervoso. Io agisco d’istinto. Ma ad essere onesti diciamo che non mi è così facile dormire queste notti…”

Seat 7 – Cristoph BRAND (USA) – 4.120.000

Cristoph sembra essere uno degli avversari di cui meno ci si dovrebbe preoccupare.

Solo $25.440 di vittorie secondo Hendonmob e sul web compaiono solo poche altre informazioni di poco conto, quindi è probabilmente un random alle sue prime esperienze in un torneo di quest’entità.

In più comincerà con uno stack da 35bb, il terzo più corto del tavolo, ma per Federico non sarà facile approfittarne essendo OOP ed avendo il chipleader esattamente in mezzo…

Seat 8 – David PETERS (USA) – 2.100.000

Il giocatore più short del torneo (meno di 18bb) e probabilmente uno di quelli con cui Federico ha più history, avendolo affrontato anche all’inizio del day 5.

Avere uno shortstack al tavolo e conoscere il suo gioco è un’ottima notizia, l’unico rovescio della medaglia è che Butteroni potrebbe dover lasciare troppi bui di fronte ai push di David, ma data la distanza tra i due giocatori questo non dovrebbe essere un problema troppo grande.

Seat 9 – Max STEINBERG (USA) – 3.290.000

Steinberg oltre a Negreanu è l’unico braccialettato del tavolo e può vantare $1.936.457 di guadagni in carriera, perlopiù conseguiti proprio in eventi WSOP.

Specializzato in heads-up e forte giocatore anche online, l’americano quartultimo nel chipcount ripartirà con solo 27bb, il che gli renderà più difficile bullare il tavolo e potrebbe limitare la sua pericolosità, ma con la sua esperienza potrebbe rivelarsi lo stesso un ostacolo non indifferente, e soprattutto in caso di raddoppio bisognerà starci attenti…

Steinberg

 

 

Cosa ne pensi del draw del tavolo di Butteroni? Commenta sulla nostra fanpage WSOP!

Articoli correlati

Lascia un commento

ItaliaPokerClub non è un operatore di gioco a distanza, ma un portale informativo dedicato ai giochi. Tutte le poker room partner del nostro portale hanno regolare licenza AAMS. Il gioco è riservato ai soggetti maggiorenni e può causare dipendenza e ludopatia.
Consigliamo, prima di giocare, di consultare le probabilità di vincita dei singoli giochi presenti sui siti dei concessionari